Jean Chrétien

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Joseph Jacques Jean Chrétien
Jean Chrétien 2010.jpg

Primo ministro del Canada
Durata mandato 4 novembre 1993 –
12 dicembre 2003
Monarca Elisabetta II
Predecessore Kim Campbell
Successore Paul Edgar Philippe Martin

Dati generali
Prefisso onorifico The Right Honourable (Onorevolissimo)
Suffisso onorifico PC, CC, QC, LLD
Partito politico Liberale
Università Università Laval

Joseph Jacques Jean Chrétien (Shawinigan, 11 gennaio 1934) è un politico canadese. Fu il ventesimo Primo ministro del Canada dal 4 novembre 1993 al 12 dicembre 2003.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jean Chrétien nacque a Shawinigan, in Québec, da Wellie Chrétien e Marie Boisvert. Nel 1957 sposò Aline Chainé, da cui ebbe una figlia (France) e due figli (Hubert e Michel).

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Spesso criticato come Primo Ministro che ha aumentato troppo le imposte ai cittadini e alle aziende, Jean Chretien ha sempre mantenuto una politica improntata all'innovazione tecnologica e allo stato sociale, contribuendo attivamente a portare il Canada tra le nazioni industrializzate più efficienti.

Non si è mai dichiarato totalmente contrario all'indipendenza della Provincia del Québec, a patto che questa si facesse totalmente carico del proprio debito pubblico, il più alto di tutto il Canada.

Nei rapporti di politica estera, Chrétien ha sempre mantenuto una linea di condotta molto autonoma, evitando accuratamente l'influenza dei vicini Stati Uniti d'America con i quali, in svariate occasioni, è spesso entrato in aperta polemica. Molto attento agli impegni internazionali, in particolar modo nelle missioni umanitarie e di "Peacekeeping", a partire dal 2002 Chretien è entrato in aperto contrasto con l'amministrazione Bush in merito all'invasione dell'Iraq di Saddam Hussein, attacco che all'epoca non era ancora avvenuto ma che era fortemente sostenuto dagli americani. Il Canada per esplicito volere di Chrétien non inviò truppe a sostegno dell'invasione in quanto il governo canadese non riteneva (supposizione poi dimostratasi corretta) che l'Iraq disponesse di armi di distruzione di massa.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze canadesi[modifica | modifica wikitesto]

Compagno dell'Ordine del Canada - nastrino per uniforme ordinaria Compagno dell'Ordine del Canada
«Prima di diventare ventesimo primo ministro del Canada, Jean Chrétien ha avuto una carriera politica attiva, in possesso di una dozzina di portafogli ministeriali. Come ministro della giustizia, è stato determinante per il rimpatrio della Costituzione e l'adozione della Carta dei diritti e delle libertà. Come primo ministro, ha guidato il partito liberale per tre governi di maggioranza consecutivi che ha sottolineato il pareggio di bilancio, l'unità nazionale e il ruolo del Canada nel mondo. Le eredità del suo governo comprendono una serie di riforme sociali e di iniziative umanitarie, come il riconoscimento delle unioni omosessuali e l'abolizione delle mine antiuomo.»
— nominato il 3 maggio 2007, investito il 22 febbraio 2008[1]
Membro dell'Ordine al Merito - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine al Merito
— 13 luglio 2009
Medaglia per il 100º anniversario della Confederazione del Canada - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il 100º anniversario della Confederazione del Canada
— 1967
Medaglia del giubileo d'argento di Elisabetta II - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo d'argento di Elisabetta II
— 1977
Medaglia per il 125º anniversario della Confederazione del Canada - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il 125º anniversario della Confederazione del Canada
— 1992
Medaglia del giubileo d'oro di Elisabetta II - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo d'oro di Elisabetta II
— 2002

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Ordine dell'Amicizia (Russia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Amicizia (Russia)
— gennaio 2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN14918782 · ISNI (EN0000 0001 2099 2842 · LCCN (ENno96008929 · GND (DE119238497 · BNF (FRcb13334178w (data)