Samuel Cunard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sir Samuel Cunard

Sir Samuel Cunard (Halifax, 21 novembre 1787Londra, 28 aprile 1865) è stato un armatore e imprenditore inglese di origine canadese e Primo Baronetto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cunard fu un ricco commerciante di Halifax. I suoi affari compirono un notevole balzo in avanti quando nel 1838 ottenne dal governo inglese il monopolio per il trasporto della posta sulle prime navi a vapore che viaggiavano tra l'Inghilterra e gli Stati Uniti. In questo contesto creò la grande compagnia di navigazione denominata Cunard Steam Ship Co. che porta ancora oggi il suo nome.

Era sposato con Susan, figlia di William Duffus (sposata il 4 febbraio 1815; morta il 23 gennaio 1828) dalla quale ebbe nove figli. Gli succedette nel business suo figlio Sir Edward Cunard, 2° baronetto. Sir Samuel è il bisnonno di Nancy Cunard.

Muore nel 1865 ed oggi riposa nel cimitero di Brompton, a Londra.

La Cunard Line[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Cunard Line.

Nel 1840 l'azienda iniziò il servizio regolare con la prima nave a vapore, il Britannia, che salpò da Liverpool ad Halifax, Nuova Scozia (in 12 giorni e 10 ore, luglio 1840), e a Boston, Massachusetts, con Cunard e 63 altri passeggeri a bordo. La società prosperò ed assorbì diverse imprese concorrenti come la Canadian Northern Steamships Limited, e il suo principale competitore, la White Star Line, proprietaria del sfortunato RMS Titanic. Cunard dominò le tratte dell'Atlantico con alcuni dei transatlantici più famosi del mondo come la RMS Queen Mary[1] e la RMS Queen Elizabeth.[2] Il suo nome sopravvive oggi nella Cunard Line, ora un ramo prestigioso della Carnival Cruise Lines.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Queen Mary, su chriscunard.com. URL consultato il 17 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2010).
  2. ^ (EN) Queen Elizabeth (1939), su chriscunard.com. URL consultato il 17 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2012).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN52472946 · ISNI (EN0000 0000 7374 540X · LCCN (ENn88055817 · GND (DE117666084 · CERL cnp00590219 · WorldCat Identities (ENn88-055817
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie