Paperino nel regno della matemagica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paperino nel mondo della Matemagica
Titolo originale Donald in Mathmagic Land
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1959
Durata 27 min
Genere animazione
Regia Wolfgang Reitherman, Les Clark, Joshua Meador
Sceneggiatura Milt Banda, Bill Berg, Heinz Haber
Produttore Walt Disney
Casa di produzione Walt Disney Productions
Distribuzione (Italia) Rome International Films
Fotografia Edward Colman
Musiche Buddy Baker
Animatori Jerry Hathcock, Eric Cleworth, John Sibley
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Doppiaggio originale

Ridoppiaggio (1992)

Paperino nel regno della Matemagica (Donald in Mathmagic Land) è un cartone animato del 1959 diretto da Hamilton Luske[1]. Il cortometraggio divenne ben presto uno dei principali film a scopo educativo prodotti dalla Disney e fu subito reso disponibile alle scuole con una introduzione di Pico de Paperis[2].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Paperino, con un fucile da caccia, entra nella terra della Matemagica (Mathmagic Land), un regno fantastico con alberi dalle radici quadrate, torrenti di numeri e una matita deambulante che gioca a tris. Dopo aver ascoltato un uccello recitare le prime 15 cifre di pi greco, Paperino sente la voce dello "Spirito d'Avventura" che lo guiderà nel suo viaggio attraverso "il Paese delle Meraviglie della Matematica". Prendendo confidenza con lo spirito intuisce una possibile relazione tra i numeri e la musica e di colpo viene catapultato nell'antica Grecia dove Pitagora e i suoi compagni tengono una jam session con il papero. Lo spirito spiega che Pitagora realizzò rudimentali forme di musica che sono alla base di quella moderna, come il jazz, ancora di moda nell'America degli anni Cinquanta. Paperino stringe la mano a Pitagora, che svanisce subito lasciandogli sulla mano un simbolo, il pentagramma, che rappresenta la segreta società pitagorica. La figura è un esempio di sezione aurea e contiene il modello per la costruzione di vari rettangoli aurei, elementi della geometria che hanno influenzato in vari modi le varie arti nel corso della storia. Gli edifici antichi dal Partenone alla Cattedrale di Notre Dame hanno tutti una base aurea così come il moderno palazzo dell’ONU. La Monna Lisa e varie sculture come la Venere di Milo, si fondano sul rettangolo aureo. Paperino apprende che anche nel corpo umano e in natura si ritrova il rapporto aureo. Lo spirito ricorda a Paperino un aforisma di Pitagora: «Tutto è organizzato secondo il numero e la forma matematica.» Lo spirito afferma che le conoscenze scientifiche e tecnologiche sono illimitate e la chiave per sbloccare le porte del futuro è la matematica. Paperino infine arriva a capire e apprezzare il valore della matematica[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

  • 1959 – distribuzione nei cinema
  • 1961 – Walt Disney's Wonderful World of Color, episodio #8.1: "An Adventure in Color/Mathmagicland" (TV USA)
  • 1987 – "Walt Disney Mini Classics: Donald in Mathmagic Land" (VHS)
  • 2007 – Region 1 DVD exclusive to the Disney Movie Club (DVD)
  • 2008 – "The Chronological Donald, Volume Four" (DVD)
  • 2009 – Baronesses with no bonuses (DVD)

In Italia il film è distribuito in VHS nel 1987 e nel 1992 e in DVD nel 2003 all'interno del DVD Le fiabe Disney - Volume 3 che include anche il miniclassico "Il mio amico Ben".

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il sito badtaste.com assegna 5 stelle su 5[1].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Emanuele Biotti, Paperino nel Mondo della Matemagica: 57 anni di razionalità e avventura, su BadTaste.it, 21 agosto 2016. URL consultato il 06 marzo 2017.
  2. ^ Paperino nel mondo della matematica. Un cartone Disney come possibile strumento didattico? | Didattica Orizzonte Scuola, su dida.orizzontescuola.it. URL consultato il 06 marzo 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]