Paolo Zucca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Paolo Zucca (Cagliari, 1972) è un regista cinematografico e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1972 a Cagliari, vive tra la Sardegna e Roma. Dopo la laurea in Lettere Moderne, frequentò la scuola RAI per sceneggiatori e si diplomò in regia alla Nuova Università del Cinema e della Televisione (NUCT) di Cinecittà.[1] Esordì da sceneggiatore nel 2003 nel film Gli angeli di Borsellino diretto da Rocco Cesareo[2]. Nel 2009 scrisse, dirisse e produsse il cortometraggio L'arbitro, il quale vinse il David di Donatello 2009 come Miglior cortometraggio e il Premio Speciale della Giuria al Festival international du court métrage di Clermont-Ferrand[2]. Da questo cortometraggio sviluppò L'arbitro, il suo primo lungometraggio, prodotto da Lucky Red e Rai Cinema e con protagonista Stefano Accorsi nel ruolo del direttore di gara punito per corruzione e spedito in punizione in Sardegna. Nel cast figuravano anche Geppi Cucciari, Jacopo Cullin, Francesco Pannofino e Benito Urgu. Il lungometraggio aprì le Giornate degli Autori alla 70ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia in proiezione speciale.[3].

Nel mezzo scrisse e realizzò altri due cortometraggi: nel 2011 Cuore di clown con Vinicio Marchioni, Isabella Ragonese, Pippo Delbono e Michela Andreozzi e nel 2013 Bella di notte ancora con Stefano Accorsi.[4]

Nel 2015 fu il direttore dell'episodio girato in Sardegna della serie di documentari intitolati I Giganti, per Rai Cinema: il tema principale era raccontare l’Italia regione per regione partendo da un albero testimone di secoli di storia e per la Sardegna nello specifico fu la quercia da sughero.[5]

Nel 2018 venne presentato in anteprima all'International Film Festival di Pusan e alla Festa del Cinema di Roma il suo secondo film intitolato L'uomo che comprò la Luna, questa volta con protagonista l'attore cagliaritano Jacopo Cullin e Geppi Cucciari nel ruolo di sceneggiatrice. Nel cast anche Stefano Fresi e le conferme dal primo film Francesco Pannofino e Benito Urgu. Il film è uscito nelle sale il 4 aprile 2019[6] .

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

  • L'arbitro – cortometraggio (2009)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • I Giganti – documentario (2013) - Regia

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]