Paolo Toschi (incisore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Toschi ritratto da Giuseppe Molteni.

Paolo Toschi (Parma, 7 giugno 1788Parma, 30 luglio 1854) è stato un incisore e architetto italiano, tra i maggiori protagonisti della vita artistica e culturale parmigiana del XIX secolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Parma nel 1788, sin dall'adolescenza si distinse per l'abilità nel disegno: allievo inizialmente di Biagio Martini, nel 1809 si trasferì a Parigi, dove approfondì le sue conoscenze sulla grafica e sulla tecnica dell'acquaforte presso gli studi di Charles Bervic, del fiammingo Oortmann e di François Gérard. Dalla Francia importò una nuova idea per una macchina che tirasse linee sinuose nelle lastre di rame, realizzata e perfezionata da Pietro Amoretti.

Divenuto Maestro d'incisione, nel 1819 fece ritorno in patria e divenne insegnante presso l'Accademia delle Belle Arti, di cui venne nominato direttore nel 1820. Sostenuto dall'amico Antonio Isac, iniziò a copiare all'acquerello gli affreschi del Correggio e ad inciderne su rame il disegno: le stampe, diffuse in tutta Europa, contribuirono a fare di Parma una delle tappe del Grand Tour in Italia dei giovani nobili dell'epoca.

Notevole fu anche l'attività di Paolo Toschi come architetto: Soprintendente alle fabbriche ducali durante il governo della duchessa Maria Luigia d'Austria, rivide e approvò i progetti della quasi totalità delle opere pubbliche eseguite nel ducato di Parma in tale periodo.

Paolo Toschi ritratto da Carlo Raimondi.

Affiancò Nicola Bettoli nella progettazione della facciata del Teatro Regio di Parma, nella decorazione interna del Ridotto del teatro, nella distribuzione planimetrica della Galleria Nazionale e progettò l'imponente struttura del colonnato del braccio occidentale del Palazzo della Pilotta.

Ammesso, come molti intellettuali parmensi del tempo (tra cui Pietro Giordani, Macedonio Melloni e Antonio Gallenga) alla corte ducale, si avvicinò agli ideali liberali e risorgimentali: solo la stima di cui godeva presso la duchessa gli evitò l'esilio, ma le sue idee politiche gli costarono, nel 1849, la destituzione dalle cariche che ricopriva sotto il governo del duca Carlo III . L'anno successivo venne reintegrato nel suo ufficio, ma si spense pochi anni dopo. Maria Luigia chiamò a succederlo nella carica di direttore della Scuola d'incisione di Parma Carlo Raimondi, suo allievo e principale collaboratore.

A Parma gli è intitolato viale Toschi, un tratto del Lungoparma che collega il ponte Verdi al ponte Europa, nei pressi della stazione ferroviaria.

Il Liceo artistico statale Paolo Toschi (precedentemente "Istituto d'Arte Paolo Toschi"), in viale Toschi a Parma, prende il suo nome.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite (classe di pace) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite (classe di pace)
— 1842
S.A.I. Ordine Costantiniano di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria S.A.I. Ordine Costantiniano di San Giorgio

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paola Medioli Masotti, Paolo Toschi, Artegrafica Silva, Parma, 1973

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN7526648 · ISNI: (EN0000 0000 6651 0020 · LCCN: (ENno2002028163 · GND: (DE121514935 · BNF: (FRcb131706612 (data) · ULAN: (EN500026291 · CERL: cnp00565152