Palazzo di Domiziano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo di Domiziano
Roma
Domus Augustana Rome.jpg
Il cortile al piano inferiore della Domus Augustana con la fontana a quattro pelte
Civiltàromana
Utilizzoimperatori romani
Stileromano
EpocaI - V secolo d.C.
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneRoma-Stemma.png Roma
Altitudine20-50 m s.l.m.
Amministrazione
PatrimonioCentro storico di Roma
EnteParco Archeologico del Colosseo
ResponsabileAlfonsina Russo
Visitabile
Sito webparcocolosseo.it
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°53′18.6″N 12°29′12.84″E / 41.8885°N 12.4869°E41.8885; 12.4869

Il palazzo di Domiziano era il principale complesso imperiale sul colle Palatino, che andò a sostituire una serie di costruzioni più antiche che andavano dall'età repubblicana a quella neroniana. È composto da tre settori: la Domus Flavia, la Domus Augustana e lo Stadio palatino.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'enorme complesso occupò tutta la parte centrale del Palatino dalla fine del I secolo, sostituendo edifici più antichi, databili dalla Repubblica a Nerone.

Il palazzo smisurato faceva grande effetto sui contemporanei, come rimane traccia nelle lodi di Marziale e Stazio. La validità degli architetti impegnati nell'edificio è testimoniata anche dal fatto che nei secoli successivi non fu mai sostituito, restando la dimora degli Augusti per eccellenza, che si limitarono solo a restaurarlo e farvi qualche aggiunta. Anzi la sua architettura fece da modello per tutti i successivi palazzi dinastici del potere.

I lavori vennero diretti dall'architetto Rabiro, iniziati poco dopo l'81 (anno della salita al potere di Domiziano) e conclusi nel 92.

Il complesso venne scoperto e scavato nel XVIII secolo, al quale seguirono presto veri e propri saccheggi che hanno irrimediabilmente compromesso lo stato dell'edificio.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Struttura del palazzo di Domiziano, formato dalla Domus Flavia, dalla Domus Augustana e dallo stadio palatino.
E : entrata principale. L : Lararium. A : Aula Regia. B : Basilica. Po : portico. P1 : peristilio. C : Cenatio. P2 : secondo peristilio. P3 : terzo peristilio. Co : cortile. Ex : grande esedra. S : Stadium. Tr : Tribuna dello Stadium

Il complesso era articolato in più nuclei. Il primo ad essere costruito è quello della Domus Flavia (nella quale spicca l'Aula Regia), il palazzo ufficiale di rappresentanza, seguito dalla Domus Augustana, l'abitazione privata dell'imperatore, e infine lo Stadio. Gli ambienti sono di solito organizzati attorno a un cortile centrale, decorato da magnifiche fontane centrali dalle forme molto articolate.

Tra gli edifici accessori c'erano il Paedagogium, per l'educazione degli schiavi bambini, e la Domus Praeconum, la casa degli araldi.

Importanza[modifica | modifica wikitesto]

L'importanza del palazzo imperiale di Domiziano nella storia dell'architettura è quella di un caposaldo. Per la prima volta un unico complesso riuniva tutte le funzioni e le necessità della vita politica dello Stato, organizzate in maniera organica e funzionale. Il palazzo fu la risposta alla "monarchizzazione" del potere attuata proprio sotto Domiziano, che si manifestò anche nell'architettura. La separazione tra ambiente pubblico e privato rispondeva all'esigenza di isolare e sublimare la figura del sovrano, presenza ieratica e semidivina che si mostrava solo in particolari condizioni e solo alla luce della magnificenza dei saloni di rappresentanza. Fondamentale allo scopo è l'uso delle absidi alle spalle dei luoghi di ricevimento, che accentrano l'attenzione sul sovrano e lo isolano come una divinità manifestata ai comuni mortali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Coarelli 2012, p. 177.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]