PV-1 (mitragliatrice)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
PV-1
Bepo 022.jpg
Tre PV-1 da installazione fissa montate come armamento di difesa su un treno corazzato sovietico nella seconda guerra mondiale
Tipomitragliatrice aeronautica
OrigineURSS URSS
Impiego
UtilizzatoriURSS VVS
URSS Armata Rossa
Conflittiseconda guerra mondiale
Produzione
ProgettistaURSS OKB Vasil’evič
CostruttoreURSS Stabilimenti statali
Date di produzione1927 - 1940
Numero prodotto1927 - 1945
Variantiversione a terra
versione a canna corta
versione con raffreddamento ad acqua
Descrizione
Peso14,5 kg
Lunghezza1 067 mm
Lunghezza canna721 mm
Calibro7,62 mm
Tipo munizioni7,62 × 54 mm R
Cadenza di tiro750 colpi/min
Velocità alla volata740 m/s
Alimentazionenastro da 200-600 colpi
Organi di miramirino ottico
voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

La PV-1 (un caratteri cirillici ПВ-1), abbreviazione di Pulemyot Vozdushny (in cirillico Пулемёт Воздушный), era una mitragliatrice aeronautica da installazione fissa progettata dall'OKB diretto da Nadaškevič Aleksandr Vasil’evič e sviluppata in Unione Sovietica nei tardi anni venti.

Versione della mitragliatrice Maxim, dalla quale se ne distingueva essenzialmente per il sistema di raffreddamento ad aria della canna, venne progettata per essere specificatamente installata sui velivoli.

Velivoli utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

(lista parziale)

URSS URSS

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]