Oskar Dirlewanger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Oskar Paul Dirlewanger
Bundesarchiv Bild 183-S73495, Oskar Dirlewanger.jpg
Oskar Dirlewanger nel 1944.
26 settembre 1895 – 7 giugno 1945 (49 anni)
Nato aWürzburg
Morto aAltshausen
Dati militari
Paese servitoGermania Impero tedesco
(fino al 1918)
Germania Repubblica di Weimar
(fino al 1922)
Germania Germania nazista
(1936-1945)
Forza armataKaiserstandarte.svg Deutsches Heer
Freikorps
ES Legion Condor.jpg Legione Condor
Flag of the Schutzstaffel.svg Waffen-SS
Anni di servizio1913-1945
GradoSS-Oberführer
(Brigadier generale)
GuerrePrima guerra mondiale
Rivoluzione di novembre
Guerra civile spagnola
Seconda guerra mondiale
CampagneFronte orientale (1941-1945)
BattaglieRivolta di Varsavia
Insurrezione nazionale slovacca
Battaglia di Halbe
Comandante di36divss.gif SS-Sturmbrigade Dirlewanger
DecorazioniCroce di Ferro di I classe
Croce di Ferro di II classe
Croce spagnola
Ordine militare della Croce Tedesca
Croce di Cavaliere della Croce di Ferro
Distintivo per feriti in oro
Ordine della Croce per la vittoria nella guerra slovacca
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Oskar Paul Dirlewanger (Würzburg, 26 settembre 1895Altshausen, 7 giugno 1945) è stato un generale tedesco, ufficiale delle SS durante la seconda guerra mondiale. È stato il fondatore ed il comandante dell'unità penale SS-Sturmbrigaden Dirlewanger ed il suo nome è strettamente collegato ad alcuni dei peggiori crimini avvenuti durante il secondo conflitto mondiale. Egli combatté inoltre nella prima guerra mondiale e in altri conflitti successivi ad essa, come la guerra civile spagnola. Morì dopo la fine della seconda guerra mondiale mentre era detenuto dagli Alleati, dopo essere stato picchiato dai suoi carcerieri. Dirlewanger è stato regolarmente descritto come una figura molto nota tra gli storici e i ricercatori: Steven Zaloga l'ha descritto come un killer psicopatico ed un pedofilo[1]; brutalmente sadico secondo Richard Rhodes[2]; un esperto in stermini e un appassionato di sadismo e necrofilia da J. Bowyer Bell[3]; Bryan Mark Rigg ha affermato che Dirlewanger fu un sadico ed un necrofilo[4]; mentre nel libro SS: Hell on the Western Front viene descritto come l'uomo più cattivo delle SS.[5] Secondo quanto afferma Timothy D. Snyder nei vari campi di battaglia della seconda guerra mondiale pochi poterono competere con la crudeltà di Oskar Dirlewanger.[6]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato Würzburg nel 1895, fu ufficiale nella prima guerra mondiale, dove fu ferito e decorato. Tra il 1919 e il 1921 fece parte dei Freikorps e successivamente aderì allo NSDAP. Nel 1934 fu condannato, per pedofilia, a scontare due anni di carcere. Secondo Sven Hassel, nel romanzo Commando Himmler, Dirlewanger sarebbe stato incarcerato per offesa al buon costume, non meglio chiarita, durante la guerra di Spagna, cui prese parte nel 1937 con la Legione spagnola e successivamente con la Legione Condor con le truppe germaniche; Hassel aggiunge che Dirlewanger si sarebbe riabilitato durante la battaglia di Madrid. All'inizio della seconda guerra mondiale si offrì volontario nelle Waffen SS, e ricevette il grado di Obersturmführer. Successivamente fu aggregato alla divisione Totenkopf di Theodor Eicke ed arrivò in seguito a comandare la 36. Waffen-Grenadier-Division der SS, o forse più correttamente brigata, che prese appunto il nome di Dirlewanger, composta per lo più da ex-galeotti e criminali comuni, che oltre ad essere destinati a morte certa nelle zone più critiche del fronte orientale, si macchiarono anche di vari crimini di guerra compiuti nei confronti dei civili polacchi, ucraini e bielorussi. Sembra persino che i russi non facessero prigionieri tra i soldati arresi o catturati appartenenti a questa brigata. Altre fonti, ritenute storicamente più attendibili, come François Duprat, autore di Storia delle SS, edizioni Ritter, sostengono che la Divisione Dirlewanger agisse senz'altro in modo estremamente crudele, contro oppositori e nemici. Oltre ad operare nelle zone più critiche del fronte orientale fu anche una divisione da retrovia, di quelle cioè incaricate di mantenere l'ordine nei Paesi occupati, con metodi tutt'altro che pacifici, e di compiere la rituale pulizia etnica. Il Sonderkommando Dirlewanger dipendeva dall'Einsatzgruppe B - senza, però, farne parte, ed operò soprattutto in Bielorussia. Processati anche per questo sono stati Erich Naumann ed Erich von dem Bach-Zelewski.

Nonostante le previsioni, Oskar Dirlewanger tornò vivo persino dal Fronte Russo, dimostrando la propria coriacità.

Nel 1944, il Sonderkommando partecipò all'impegnativa e difficile riconquista di Varsavia, dopo la rivolta partigiana. Anche questa volta era alle dipendenze di Erich von dem Bach-Zelewski.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

La divisione Dirlewanger si arrese nel maggio 1945. Il 1º giugno 1945, soldati polacchi inquadrati nelle forze di occupazione francesi erano di guardia nella prigione militare di Altshausen, dove era stato rinchiuso. Dirlewanger fu bastonato a morte da ex prigionieri di un campo di sterminio.[7] Questa notizia fu tenuta nascosta all'inizio, e così molte voci e leggende nacquero attorno alla sua morte. I francesi seppellirono il corpo di Dirlewanger il 19 giugno 1945, lasciando ancora molti dubbi. Infatti, molte fonti, tra cui lo stesso Duprat, parlano anche di una sua presenza in Paesi mediorientali, o servendo la Legione Straniera, o combattente nell'esercito di liberazione egiziano di Nasser. Queste voci furono definitivamente smentite, quando un tribunale francese fece esumare ed esaminare il cadavere, per confermare l'identità, nel novembre 1960.

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

Nel film sovietico Va' e vedi, del 1985, è presente un personaggio riconducibile a Dirlewanger, un ufficiale delle SS con un piccolo lemure, che richiama la passione del gerarca nazista per gli animali esotici, come riportato da Johannes Frießner;[8] la pellicola è liberamente ispirata dal massacro compiuto dallo stesso Dirlewanger nel 1943 in Bielorussia nel villaggio di Chatyn'.[9] La sua unità compare nel videogioco Velvet Assassin e infine il personaggio SS-Standartenführer Dirlewanger sarà interpretato da Tom Savini nel film horror del 2013 The 4th Reich.[10]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce di Ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I classe
Croce di Ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe
Cavaliere della Croce di Ferro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Croce di Ferro
immagine del nastrino non ancora presente Medaglia d'oro dell'Ordine militare della Croce Tedesca

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Steven Zaloga, The Polish Army 1939-45, pag. 25
  2. ^ Richard Rhodes, Masters of Death: The SS-Einsatzgruppen and the Invention of the Holocaust
  3. ^ J. Bowyer Bell, Besieged: Seven Cities Under Siege, pag. 190
  4. ^ Bryan Mark Rigg, Hitler's Jewish Soldiers: The Untold Story of Nazi Racial Laws and Men of Jewish Descent in the German Military, pag. 334
  5. ^ Chris Bishop, Michael Williams, SS: Hell on the Western Front, pag. 92
  6. ^ Timothy Snyder, Bloodlands: Europe Between Hitler and Stalin, page 241-242, 304
  7. ^ French L. MacLean - "The Cruel Hunters: SS Sonderkommando Dirlewanger Hitler's Most Notorious Anti Partisan Unit"
  8. ^ Krisztián Ungváry, Battle for Budapest: 100 Days in World War II, pag. 21
  9. ^ (EN) Nancy Ramsey, FILM; They Prized Social, Not Socialist, Reality, nytimes.com, 28 gennaio 2001. URL consultato il 2 settembre 2012.
  10. ^ (EN) The 4th Reich (2013), imdb.com. URL consultato il 2 settembre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN30446532 · ISNI (EN0000 0000 6681 5158 · LCCN (ENn98048839 · GND (DE123490774