Opiinae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Opiinae
K7920-7.jpg
Biosteres arisanus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Hymenopteroidea
Ordine Hymenoptera
Sottordine Apocrita
Sezione Terebrantia
Superfamiglia Ichneumonoidea
Famiglia Braconidae
Sottofamiglia Opiinae
Blanchard, 1845
Tribù

Le Opiinae Blanchard, 1845 rappresentano una sottofamiglia di insetti Imenotteri, appartenente alla famiglia dei Braconidi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di Braconidi poco evoluti, comprendente specie per lo più endoparassite solitarie di Ditteri. In quasi tutte le specie la femmina ovidepone nella larva dell'ospite, raramente nell'uovo. Lo sfarfallamento avviene sempre dal pupario dell'ospite.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Gli Opiinae rientrano fra gli insetti ausiliari di maggiore importanza nella lotta biologica contro i Ditteri Tefritidi (genericamente chiamati mosche della frutta).

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La suddivisione interna di questa sottofamiglia è ancora incerta. La ricerca è corredata di un'ampia documentazione sulle specie, tuttavia molte delle specie descritte hanno una collocazione incerta in quanto si sospetta che si tratti di sinonimi. Le incertezze si estendono anche a livello di genere (tassonomia) in quanto diversi Autori ritengono che molti generi citati nella letteratura siano in realtà sinonimi o sottogeneri di altri già riconosciuti dalla maggior parte dei ricercatori. Un elenco dei generi in cui si suddivide la sottofamiglia, pertanto, sarebbe poco affidabile in quanto non esistono ancora schemi ampiamente condivisi.

Fra i generi più noti e ricchi di specie, alcune diffusamente impiegate in esperienze o in programmi di lotta biologica, si citano Biosteres (Förster, 1862) e Opius (Wesmael, 1835).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]