Omicidio doloso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
N icon law and crime.png
Emblem of Italy.svg
Delitto di
Omicidio doloso
Fonte Codice penale italiano
Libro II , Titolo XII , Capo I
Disposizioni art. 575
Competenza corte d'assise[1]
Procedibilità d'ufficio
Arresto obbligatorio
Fermo consentito
Pena reclusione non inferiore a 21 anni

L'omicidio doloso (comunemente omicidio volontario) in diritto penale è il delitto previsto dall'articolo 575 del codice penale che consiste nel provocare volontariamente la morte di un'altra persona. Si distingue in premeditato e non premeditato.

Elemento oggettivo[modifica | modifica wikitesto]

Il fatto è rappresentato dall'evento morte di una persona diversa dal reo, con qualsiasi modalità questo venga realizzato. La sua verifica avviene con l'accertamento del nesso di causalità fra la condotta aggressiva e la morte.

Elemento soggettivo[modifica | modifica wikitesto]

Il coefficiente psicologico è il dolo, tale deve sussistere al momento dell'azione e deve perdurare durante tutta la durata della stessa o finché la condotta aggressiva sia controllabile da parte dell'agente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tribunale collegiale per il tentato omicidio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]