Olio di vinaccioli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Olio di vinaccioli

L'olio di vinaccioli è un olio alimentare estratto dai vinaccioli.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

I vinaccioli contengono olio in ragione del 10-20%, percentuale che varia con la cultivar. I vinaccioli sono normalmente ricavati dalle vinacce come sottoprodotto della produzione vitivinicola. È necessaria una accurata e veloce fase di essiccamento per produrre un olio con buone caratteristiche organolettiche e un buon contenuto di polifenoli, se così non avviene i microrganismi inficiano il risultato finale.

Tradizionalmente viene estratto meccanicamente con presse idrauliche o a vite, con questo metodo si ottiene un prodotto dal costo elevato. Un altro metodo è l'estrazione con acqua calda, ma ha rese molto basse e necessita la successiva rottura dell'emulsione e stadi di evaporazione dell'acqua.

Il metodo di produzione più comune è l'estrazione con esano.[1] È possibile anche utilizzare anidride carbonica in fase supercritica.[2]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

L’olio di vinaccioli è composto per circa il 99 % da acilgliceridi (trigliceridi). In tutti gli oli vegetali la composizione può variare in funzione del cultivar, delle condizioni ambientali, della raccolta e della lavorazione.

Legenda: concentrazioni tipiche in % w/w, valori medi rilevati dal Codex Alimentarius[3].

acido grasso concentrazione (%)
acido miristico 0,15
acido palmitico 8,25
acido palmitoleico 0,6
acido margarico 0,06
acido stearico 4,75
acido oleico 20,0
acido linoleico 68,0
acido α-linolenico 0,5
acido arachico 0,5
acido gadoleico 0,15
acido beenico 0,47
acido erucico 0,25
acido lignocerico 0,25

La distribuzione di acidi grassi dell'olio di vinacciolo è molto simile a quella dell'olio di girasole

L'olio contiene anche steroli, tocoferoli e polifenoli che nel processo di raffinazione possono essere ridotti ma anche reintegrati.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

In alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Viene utilizzato nell'alimentazione come condimento e per l'elevato punto di fumo (190-230 °C) può essere utilizzato per cotture ad alte temperature. Il prodotto di qualità non alimentare può trovare impiego nella produzione di vernici, polimeri, cosmetici.

In cosmetica[modifica | modifica wikitesto]

In campo cosmetico agisce al pari di altri oli vegetali come emolliente e può essere utilizzato sul viso e sul corpo, in quanto rende la pelle più elastica, morbida e levigata.[4]

Utilizzato sui capelli ne riduce la permeabilità all'umidità e ne aumenta la pettinabilità. Si tratta di un olio suscettibile all'ossidazione ed inrancidimento che nell'utilizzo cosmetico richiede una protezione antiossidante.

Per il suo apporto di acido linoleico si ipotizza una potenziale partecipazione ad alcuni processi cutanei, con funzione antiproliferativa e lenitiva. [5][6][7] Leggermente siccativo, non è incompatibile con le pelli grasse.

La denominazione INCI è : VITIS VINIFERA SEED OIL.

In altri campi[modifica | modifica wikitesto]

Può essere utilizzato per produrre biodiesel di buona qualità.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luque-Rodríguez, Luque de Castro, Pérez-Juan, Extraction of fatty acids from grape seed by superheated hexane in Talanta, vol. 68, 2005, pp. 126-130.
  2. ^ Molero Gómez, Peryra López, Martínez de la Ossa, Recovery of grape seed oil by liquid and supercritical carbon dioxide extraction: a comparison with conventional solvent extraction in Chem. Eng. J., vol. 61, 1996, pp. 227-231.
  3. ^ CODEX STANDARD FOR NAMED VEGETABLE OILS.
  4. ^ Oli vegetali nella cosmesi: funzionalità degli acidi grassi
  5. ^ Härtel, B. Essential Fatty Acids and Eicosanoids in the Skin: Biosynthesis, Biological and Cosmetic Importance. SÖFW-Journal, 1998; 124: 889-90.
  6. ^ Jimenez-Arnau A. Effects of Linoleic Acid Supplements on Atopic dermatitis. Adv. Exp. Med. Biol., 1997; 433: 285-9.
  7. ^ Wright S. Essential fatty acids and the skin: Cosmetic application of research. Br J Dermatol, 1991; 125(6): 503-15
  8. ^ Fernández, Ramos, Pérez, Rodríguez, Production of biodiesel from winery waste: Extraction, refining and transesterification of grape seed oil in Bioresource Technol., vol. 101, 2010, pp. 7019-7024.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Cabras, A. Martelli, Chimica degli Alimenti, Piccin, ISBN 88-299-1696-X
  • Bail, Stuebiger, Krist, Unterweger, Buchbauer, Characterisation of various grape seed oils by volatile compounds, triacylglycerol composition, total phenols and antioxidant capacity in Food Chem., vol. 108, 2008, pp. 1122-1132.
  • Lutterodt, Slavin, Whent, Turner, Yu, Fatty acid composition, oxidative stability, antioxidant and antiproliferative properties of selected cold-pressed grape seed oils and flours in Food Chem., vol. 128, 2011, pp. 391-399.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE7843444-0