Olio di tung

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'olio di tung (detto anche olio di legno di Cina) è il nome commerciale dell'olio estratto dai semi di Aleurites fordii o Vernicia fordii o Aleurites cordata. È un olio siccativo con tempi di polimerizzazione estremamente brevi. Da solo o in miscela con oli meno siccativi storicamente nell'antica Cina è stato utilizzato per impermeabilizzare gli ombrelli di carta o il fasciame delle barche.[1][2] In Occidente ha avuto un importante utilizzo per la protezione degli strumenti musicali in legno e nelle tecniche di restauro. Ha la caratteristica, se esposto all'aria, di polimerizzare completamente, creando quando è applicato in strato sottile una particolare pellicola rugosa o satinata. Riscaldato sopra i 230 °C forma uno standolio più viscoso.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

In tutti gli oli vegetali la composizione può variare in funzione della cultivar, delle condizioni ambientali, della raccolta e della lavorazione. L'olio di tung è composto prevalentemente da trigliceridi con la seguente distribuzione tipica di acidi grassi[3]:

acido grasso notazione Delta concentrazione (%)
acido palmitico 16:0 2,6
acido stearico 18:0 4,8
acido oleico 18:1Δ9c 6,6
acido linoleico 18:2Δ9c,12c 7,1
acido α-linolenico 18:3Δ9c,12c,15c 0,1
acido α-eleostearico 18:3Δ9c,11t,13t 67,7
acido β-eleostearico 18:3Δ9t,11t,13t 11,3
acido gadoleico 20:1Δ11c 0,2

Si tratta di uno degli oli vegetali con la più alta concentrazione di acidi grassi coniugati, dove il tenore dei diversi isomeri dell'acido eleostearico può superare il 90%. L'alta concentrazione e vicinanza spaziale dei doppi legami comporta che l'olio di tung sia particolarmente suscettibile all'ossidazione e alla polimerizzazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ McKeon, Thomas A., 1949-, Hayes, Douglas G., e Hildebrand, David F.,, Industrial oil crops, ISBN 9780128053850, OCLC 941779215.
  2. ^ What is Tung Oil? - The History of Tung Oil - Wood Finishing Products, su www.sutherlandwelles.com. URL consultato il 17 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2018).
  3. ^ SOFA - Seed Oil Fatty Acids, su sofa.mri.bund.de. URL consultato il 17 maggio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]