Olio di fegato di merluzzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'olio di fegato di merluzzo è l'olio fisso ottenuto dal fegato fresco del merluzzo della specie Gadus (famiglia Gadidae), soprattutto Gadus callarias.

L'olio viene raffinato e chiarificato per filtrazione a circa 0 °C. Secondo le caratteristiche internazionali 1 g di olio non deve contenere meno di 600 U.I. di vitamina A e non meno di 85 U.I. di vitamina D; può essere presente una quantità fino a 100 ppm di dodecil gallato, ottil gallato o propil gallato o qualsiasi miscela di queste sostanze antiossidanti. Secondo la USP ((United States pharmacopoeia) 1 g di olio non deve contenere meno di 850 unità USP (225 µg) di vitamina A e non meno di 85 unità USP (2,125 µg) di vitamina D; possono essere aggiunte idonee sostanze aromatizzanti, in quantità non superiori all'1%.

L'olio di fegato di merluzzo contiene inoltre gliceridi, specialmente insaturi (dell'acido palmitico, stearico, ecc.), come anche tracce di cloro, bromo, fosforo e zolfo.

Proprietà chimico-fisiche[modifica | modifica sorgente]

E' un ­ olio giallo pallido dal debole odore di pesce, ma non di rancido. Per esposizione all'aria e alla luce diventa giallo ed acquista odore sgradevole. Praticamente insolubile in alcool, miscibile con cloroformio, con etere, con etere di petrolio, con disolfuro di carbonio, con acetato di etile. Ha una densità paria a 0,917-0,928 ed un indice di rifrazione: 1,477-1,482

Metodi di identificazione[modifica | modifica sorgente]

1) Ad 1 ml di una soluzione al 2,5% dell'olio in cloroformio si aggiungono 10 ml di tricloruro di antimonio soluzione: si sviluppa immediatamente una colorazione blu (identificazione della vitamina A).

2) Una goccia di olio di fegato di merluzzo, sciolta in 20 gocce di disolfuro di carbonio o di cloroformio, per aggiunta di una goccia di acido solforico concentrato assume colorazione rosso-violetta fugace che passa lentamente al rosso-bruno. Questa reazione differenzia l'olio di merluzzo da quello di foca e da quello di altri pesci.

3) Si mescolano 1-2 ml dell'olio con 1-2 gocce di acido nitrico fumante: l'olio assume colorazione rossa che agitando diventa rosso fuoco e vira subito al giallo.

L'olio di fegato di merluzzo deve essere conservato in recipienti ben chiusi, ben riempiti, al riparo dalla luce.

Proprietà ed usi[modifica | modifica sorgente]

L'olio di fegato di merluzzo è una fonte notevole di vitamina D ed è anche una buona fonte di vitamina A; contiene acidi grassi insaturi, fattori dietetici essenziali che di solito non si ritrovano nei preparati commerciali a base di vitamine A e D. È stato impiegato nella profilassi del rachitismo nei bambini, nell'osteoporosi nell'adulto.

Unguenti o medicazioni a base di olio di fegato di merluzzo sono stati utilizzati per accelerare la guarigione di ustioni, ulcere, piaghe e ferite superficiali, anche se non esistono dati che ne supportino la validità terapeutica. 5 ml di olio di fegato di merluzzo forniscono una quantità di vitamine A e D pari alle richieste dietetiche giornaliere del bambino e dell'adulto.

Come gli altri oli di pesce, i grassi altamenti insaturi a catena lunga interferiscono con la conversione dell’acido linoleico in acido arachidonico e prostaglandine, a danno delle difese immunitarie. È altamente instabile e inizia ad ossidarsi prima di raggiungere il flusso sanguigno (Sethi, 2002. Chaudhary, et al, 2004), ed è altamente ossidato nei tessuti entro 48 ore se non si assumono antiossidanti (Gonzalez, 1988;. Klein, et al, 1990), o con una dieta dove è presente la normale dose giornaliera di vitamina E.

Uno studio in Norvegia tramite questionari alimentari su 42.612uomini e donne, ha riferito che, dopo più di 9 anni l’uso di olio di fegato di merluzzo non ha mostrato alcun effetto protettivo contro la malattia coronarica[1][2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Hakkarainen, et al, 2004
  2. ^ Cod liver oil consumption, smoking, and coronary heart disease mortality: three counties, Norway, Egeland GM et al, National Health Screening Service, Research Department, pubblicato su NCBI 2001 Apr;60(2):143-9

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]