Norman Pritchard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Norman Pritchard
Pritchard 1900 derivate.jpg
Nazionalità India Britannica India Britannica
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Velocità, ostacoli
Record
100 m 10"9 (1899)
200 m 22"6 (1900)
110 hs 15"4 (1899)
200 hs 26"2 (1900)
Società Bengal Presidency AC
Carriera
Nazionale
1900India Britannica India Britannica
Palmarès
Giochi olimpici 0 2 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Norman Gilbert Pritchard, conosciuto anche come Norman Trevor (Calcutta, 23 giugno 1877Norwalk, 31 ottobre 1929), è stato un attore, ostacolista e velocista indiano di origini britanniche.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pritchard nacque a Calcutta da genitori britannici: George Petersen Pritchard e Helen Maynard Pritchard.[1]

Studiò presso il Saint Xaviers College di Calcutta. Nel 1900 prese parte ai Giochi olimpici di Parigi. Fu il primo indiano a partecipare alle Olimpiadi. Vincendo due argenti, nei 200 metri piani e nei 200 metri ostacoli, fu anche il primo cittadino di una nazione asiatica capace di vincere un argento olimpico.

Nel 1904 si trasferì nel Regno Unito, per poi emigrare negli Stati Uniti, dove intraprese la carriera di attore ad Hollywood e Broadway, dove divenne più noto con lo pseudonimo Norman Trevor.

Recitò insieme a leggende del cinema del calibro di Ronald Colman in film come Gli eroi del deserto (1926), Dancing Mothers (1926) e Tonight at Twelve (1929). Morì vicino a Los Angeles in seguito ad una malattia cerebrale.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1900 Giochi olimpici Francia Parigi 60 m piani Batteria 7"1
100 m piani Semifinale n/d
200 m piani Argento Argento 22"8
110 m hs Finale nf
200 m hs Argento Argento 26"0

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Norman Trevor (alias Norman Pritchard) durante le riprese del film Padre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gulu Ezekiel, The story of a champion from the East (La storia di un campione dell'est), su telegraphindia.com, The Telegraph, 7 agosto 2008. URL consultato il 15 febbraio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9053956 · ISNI (EN0000 0000 3250 1126 · LCCN (ENn93032827