Non calpestare i fiori nel deserto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Non calpestare i fiori nel deserto
Artista Pino Daniele
Tipo album Studio
Pubblicazione 25 marzo 1995
Durata 47 min : 47 s
Dischi 1
Tracce 13
Genere Blues
Pop
Etichetta CGD
Produttore Pino Daniele
Certificazioni
Dischi di platino Italia Italia (8)
(vendite: 800 000+)
Pino Daniele - cronologia
Album precedente
(1993)

Non calpestare i fiori nel deserto, pubblicato il 25 marzo 1995[1] dalla CGD,[2] è un album del cantautore napoletano Pino Daniele.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

A detta dello stesso cantante, l'album è stato realizzato con la precisa intenzione di trovare un nuovo modo di fare canzoni, avvicinandosi così alle atmosfere musicali dell'Africa settentrionale.[1] Il risultato è stato un album dichiaratamente pop[3] ma che, secondo la critica musicale, mescola tra loro anche elementi di molti altri generi diversi, quali la canzone napoletana, il blues, il rock, il rap, il reggae, l'hip hop ed il jazz.[1][4]

A legare tra loro brani con generi così diversi è la comune tematica dell'amore. Pino Daniele ha spiegato questa sua scelta affermando che «l'amore supera le mode e le epoche, l'amore è un sentimento che non cambia, anche a distanza di anni».[3]

All'interno del disco sono incluse anche collaborazioni con Irene Grandi, che duetta con Daniele in Se mi vuoi, e con Jovanotti, che con il cantautore napoletano ha scritto ed interpretato i brani Un deserto di parole e Stress.[1]

Successo[modifica | modifica wikitesto]

Non calpestare i fiori nel deserto fu il 2º disco più venduto dell'anno, grazie alle 800.000 copie vendute durante il 1995, Il disco ha ottenuto apprezzamenti anche da parte della critica, che ad ottobre del 1995 lo ha premiato a Sanremo con la Targa Tenco nella categoria miglior album.[5][6] In seguito al successo ottenuto dal disco, Pino Daniele ha inoltre ricevuto il premio come Artista dell'anno al Festivalbar 1995.[7]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. 'O cammello 'nnammurato – 4:30
  2. Un deserto di parole – 3:53 (Pino Daniele, Jovanotti) – con Jovanotti
  3. Io per lei – 3:33
  4. Se mi vuoi – 3:09 – con Irene Grandi
  5. Un angolo di cielo – 3:03
  6. Fumo nero – 4:08
  7. Resta... Resta cu'mme' – 2:45
  8. Bambina – 4:31
  9. Notte che fai – 4:03
  10. E se amore sarà – 3:16
  11. Stress – 5:22 (Pino Daniele, Jovanotti) – con Jovanotti
  12. Anima – 4:34
  13. Oasi – 1:00 – strumentale

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1995) Posizione
massima
Italia[8][9] 1

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Gloria Pozzi, Pino Daniele: Africa ora sono figlio tuo, Corriere della Sera, 21 marzo 1995, p. 37. URL consultato il 30 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il ).
  2. ^ Pino Daniele, Rockol.it. URL consultato il 30 aprile 2011.
  3. ^ a b Giacomo Pellicciotti, Il mio rap sotto il Vesuvio, in la Repubblica, 21 marzo 1995, p. 38. URL consultato il 30 aprile 2011.
  4. ^ Mario Luzzatto Fegiz, Chiudete gli occhi, ve la do io la musica, in Corriere della Sera, 25 aprile 1995, p. 37. URL consultato il 30 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il ).
  5. ^ Brevi, in la Repubblica, 5 ottobre 1995, p. 41. URL consultato il 30 aprile 2011.
  6. ^ Al "Tenco" dopo Jovanotti c'è Guccini, in Corriere della Sera, 27 ottobre 1995, p. 35. URL consultato il 30 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il ).
  7. ^ Ernesto Assante, Festivalbar agli 883, in la Repubblica, 6 settembre 1995, p. 37. URL consultato il 30 aprile 2011.
  8. ^ La sorpresa è Irene Grandi, in la Repubblica, 30 maggio 1995, p. 34. URL consultato il 30 aprile 2011.
  9. ^ ALBUM - I NUMERI UNO (1995-2006), it-charts.150m.com. URL consultato il 1 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica