Nero a metà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nero a metà
Artista Pino Daniele
Tipo album Studio
Pubblicazione 1980
Durata 41:28
Dischi 1
Tracce 12
Genere Blues
Canzone napoletana
Etichetta EMI Italiana
Produttore Willy David
Registrazione ottobre 1979-gennaio 1980, Stone Castle Studio, Carimate (Italia)
Certificazioni
Dischi d'oro Italia Italia[1]
(vendite: 25 000+)
Pino Daniele - cronologia
Album precedente
(1979)
Album successivo
(1981)
Singoli
  1. Nun me scoccià
    Pubblicato: 1980

Nero a metà è il terzo album in studio del cantautore italiano Pino Daniele, pubblicato nel 1980 dalla EMI Italiana.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

È l'album della definitiva maturazione ed affermazione a livello nazionale del cantautore partenopeo che - coadiuvato da ottimi musicisti della scena napoletana - crea un'opera sempre fresca anche nei brani che vanno al di fuori degli schemi allegramente blueseggianti cui il pubblico di Pino Daniele era ampiamente abituato. I brani "Nun me scuccià" e "sotto o sole" recano la firma anche del batterista Mauro Spina. [2]

Come si può leggere nelle note di copertina, l'album è dedicato al cantante degli Showmen Mario Musella, scomparso poco prima della pubblicazione del disco, definito da Pino Daniele "Nero a metà" in quanto figlio di madre napoletana e di padre nativo americano (in Italia per via della guerra).

L'album vendette oltre 300.000 copie[3] ed è presente nella classifica dei 100 dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone Italia alla posizione numero 17.[4]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. I Say i' sto ccà – 4:08
  2. Musica musica – 2:49
  3. Quanno chiove – 4:35
  4. Puozze passà nu guaio – 3:05
  5. Voglio di più – 4:02
  6. Appocundria – 1:36
  7. A me me piace 'o blues – 3:01
  8. E so cuntento 'e sta' – 4:29
  9. Nun me scoccià – 3:35
  10. Alleria – 3:11
  11. A testa in giù – 3:44
  12. Sotto 'o sole – 3:02

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 13 marzo 2015.
  2. ^ Una vita al ritmo della batteria: la storia in musica di Mauro Spina, ilcittadino.it, 8 giugno 2015.
  3. ^ L'espresso, in L'Espresso, nº 26, 1980, p. 223. URL consultato il 4 agosto 2016.
    «.... di Renato Zero, di Lucio Dalla, di Lucio Battisti, di Pino Daniele, di Julio Iglesias, tutti attestati oltre le trecentomila copie.».
  4. ^ I 100 dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica