Nok Air

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nok Air
Logo
Nok Air ATR ATR-72-201 Prasertwit-1.jpg
StatoThailandia Thailandia
Fondazione2004
Sede principaleSathorn
GruppoThai Airways International
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Sito webwww.nokair.com/
Compagnia aerea a basso costo
Codice IATADD
Codice ICAONOK
Indicativo di chiamataNOK AIR
HubBangkok-Don Mueang
AlleanzaValue Alliance
Flotta30 (nel 2017)
Destinazioni30
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Nok Air è una compagnia aerea thailandese low-cost, con sede all'aeroporto internazionale Don Mueang di Bangkok. Fondata nel 2004 dalla società Sky Asia Co. Ltd, Nok Air opera circa 30 voli nazionali in partenza da Bangkok e da Chiang Mai per la Thailandia.

Il biglietto base low-cost include un bagaglio a mano da portare in cabina, a prezzi aggiuntivi si possono acquistare pasti, bevande, il trasporto nella stiva di un bagaglio grande, priorità di imbarco, assicurazione di viaggio, trasferimenti stradali o via mare per destinazioni lontane dall'aeroporto di arrivo ecc.[1][2]

"Nok" significa uccello" in thailandese, e le parti esterne degli aerei sono disegnati per ricordare dei variopinti uccelli, in particolare la parte anteriore è dipinta in modo tale da rappresentare il becco di un uccello.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda fu fondata nel febbraio 2004 con il nome Sky Asia e subito dopo prese il nome Nok Air; i primi voli si ebbero il 23 luglio 2004. Nel marzo 2007 la compagnia aveva un personale di 130 persone, che divennero circa 1 400 nel 2014.[4] Il primo volo internazionale della Nok Air fu il Bangkok-Bangalore del 31 maggio 2007, il servizio prevedeva voli giornalieri ma fu sospeso quello stesso anno.[5]

Uno degli azionisti di minoranza della Nok Air è la Thai Airways, che per avere maggiore influenza sulle scelte aziendali cercò invano di assicurarsi le quote di altri azionisti, che le avrebbero permesso di passare dal 39 al 49% della proprietà.[6] Declinò quindi progressivamente l'interesse per la Nok Air di Thai Airways, la cui quota passò nel maggio 2017 al 21,57%[7] e nel luglio 2020 al 13,28%.[8]

Nok Air fu nel 2013 il cliente di lancio del Bombardier Dash 8 Q400 NextGen, versione aggiornata, più moderna ed efficiente dell'aereo canadese. Alla fine di quell'anno fu annunciata la joint-venture di Nok Air con Scoot Airlines (low-cost consociata a Singapore Airlines) per formare NokScoot, a sua volta una linea low-cost regionale con hub all'aeroporto Don Mueang. NokScoot iniziò le operazioni nel 2014 e fu chiusa nel maggio 2020 a seguito delle misure prese per fronteggiare la pandemia di COVID-19.[9] Il virus causò gravi problemi anche alla Nok Air, alla quale il tribunale dei fallimenti concesse nel novembre 2020 di continuare le operazioni e ingiunse di preparare un piano di risanamento.[10]

Nel febbraio 2016 la compagnia dovette affrontare gravi problemi interni; il gran numero di voli era sproporzionato per il numero di piloti di cui disponeva, che erano costretti a turni di lavoro fuori dallo standard. 10 piloti entrarono in sciopero e 17 rassegnarono le dimissioni, costringendo la Nok Air a cancellare numerosi voli e a riconoscere che il personale di volo non era sufficiente per coprire i turni necessari. Il problema si aggravò in quello stesso periodo quando la Thailandia dovette togliere la licenza ad altri piloti thailandesi le cui capacità non rispondevano ai criteri dell'Agenzia europea per la sicurezza aerea, dopo che nel dicembre 2015 le autorità internazionali avevano retrocesso il livello di sicurezza dell'aviazione thailandese.[11] La situazione si normalizzò con l'assunzione di nuovi piloti stranieri dopo due settimane di gravi disagi che coinvolsero migliaia di viaggiatori.[12]

Boeing 737 di Nok Air
ATR 72 nel 2016

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Ogni aereo di Nok air è dipinto con una livrea differente dagli altri. Su tutti è disegnato un becco giallo sulla punta e il simbolo della compagnia su deriva e timone, mentre la fusoliera degli aerei è percorsa ogni volta da disegni di uccelli dai colori differenti, tendenti al giallo, rosa, verde, blu, viola e bianco. Ogni aereo ha inoltre un proprio nome dedicato a una pietra preziosa, un elemento della natura (ad esempio Firmamento, Cielo blu, Montagna) ecc.[3]

A tutto il giugno del 2020, la flotta di Nok Air comprendeva i seguenti aerei, molti dei quali concessi in leasing:[13]

Aereo In servizio Ordinati Passeggeri
BOEING 737-800 15 - 189
Boeing 737 MAX 8 - 7 da definire
Bombardier Dash 8 Q400 NextGen 8 - 86

La sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Nok Air utilizza gli stessi aeromobili e lo stesso team di manutenzione della nota compagnia Thai Airways. Inoltre Nok Air e Air France collaborano in termini di compravendita di aerei, di componenti e di piani di ingegneria.

Nok Air è una società certificata dal Department of Civil Aviation of Thailand (DCA), dall'Amministrazione Federale dell'aviazione degli Stati Uniti (FAA) e dalla European Joint Aviation Authoritie (JAA).

I principali azionisti[modifica | modifica wikitesto]

Azionisti Azioni %
(al 15 lug. 2020)[8]
Hathairat Jurangkun 26,38%
Natthaphon Chulangkul 26,07%
Thaveechat Jurangkool 22,51
Thai Airways International Public Company Limited 13,28%
Altri investitori 11,76%

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Nok Air - Booking, su nokair.com. URL consultato il 22 novembre 2020.
  2. ^ (EN) Where we fly, su content.nokair.com. URL consultato il 22 novembre 2020.
  3. ^ a b (EN) Get to know Nok Air's planes The significance behind each bird's name, su ryt9.com. URL consultato il 22 novembre 2020.
  4. ^ (EN) Directory: World Airlines, in Flight International, 10 aprile 2007, p. 56.
  5. ^ (EN) Nok Air too suspends flights to Bangalore, su economictimes.indiatimes.com, 13 novembre 2007.
  6. ^ (EN) KTB rebuffs Thai offer for Nok, su bangkokpost.com, 24 gennaio 2011.
  7. ^ (EN) Airline Review - Nok Air, su destinationtravel.info, 31 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2018).
  8. ^ a b (EN) Companies/Securities in Focus - NOK : NOK AIRLINES PUBLIC COMPANY LIMITED, su set.or.th, 15 luglio 2020. URL consultato il 22 novembre 2020.
  9. ^ (EN) Industry unfazed by NokScoot closure, su bangkokpost.com, 30 giugno 2020. URL consultato il 22 novembre 2020.
  10. ^ (EN) Nok Air granted rehab go-ahead, su bangkokpost.com, 5 novembre 2020. URL consultato il 22 novembre 2020.
  11. ^ (EN) Thailand's Nok Air delays European partner plan after pilot strike, su reuters.com. URL consultato il 2020 (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2020).
  12. ^ (EN) Patee says Nok Air has already recruited several new pilots, Samui Times, 5 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 28 dicembre 2019).
  13. ^ (EN) Nok Air Fleet, su ch-aviation.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]