Nicholas Winton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nicholas George Winton

Sir Nicholas George Winton, nato Nicholas Wertheim (Londra, 19 maggio 1909Maidenhead, 1º luglio 2015[1]), è stato un filantropo britannico, conosciuto come "lo Schindler britannico"[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fra il 1938 e il 1939, Winton, essendo anche lui di origini ebree, decise di andare a Praga dove salvò 669 bambini ebrei dalla Cecoslovacchia occupata dai nazisti, organizzando il loro viaggio via treno verso il Regno Unito e trovando loro un alloggio una volta arrivati. Nel marzo del 1939, Hitler invade il resto della Cecoslovacchia, e nello stesso anno 8 grandi gruppi di bambini (669 in totale) lasciano Praga. Molti di loro erano ebrei che scappavano da Hitler. 7 gruppi lasciano la Cecoslovacchia tramite alcuni treni, mentre la partenza dell'ottavo gruppo era prevista per il 3 settembre 1939. Quel treno non lasciò mai Praga in quanto la Seconda Guerra Mondiale ebbe inizio proprio durante quel giorno, quando la Germania chiuse le frontiere. Purtroppo, il treno e i 250 bambini che vi erano sopra scomparve. Winton era consapevole che se il treno avesse lasciato Praga solo un giorno prima tutto ciò non sarebbe successo. La sua azione rimase sconosciuta fino al 1988, quando sua moglie Greta scoprì un vecchio album di ritagli che documentavano i salvataggi.[3] In una commovente manifestazione, organizzata a sua insaputa ma in cui Nicholas era presente, fu descritta da un oratore, nei particolari, la sua coraggiosa impresa. Nicholas Winton fu sorpreso che la sua storia fosse rivelata e con commozione constatò che i signori che erano seduti accanto a lui in quella manifestazione (che poi si alzarono in piedi per salutarlo), erano proprio alcuni di quei bambini, ora adulti, che egli aveva salvato.[4]

Nel 2009 un treno speciale lascia la stazione di Praga con a bordo 22 dei 669 bambini che Winton aveva salvato. In questo treno c'erano anche i figli e i nipoti dei bambini che Winton aveva salvato.

Questo treno ha percorso la stessa strada del treno che li ha salvati 70 anni prima (e anche la stessa che doveva percorrere l'ottavo treno) e dopo un lungo viaggio il treno arriva alla stazione di Liverpool dove stava aspettando WInton, ormai centenario.

Nel 2010, Winton è stato nominato dal governo Eroe britannico dell'Olocausto.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze britanniche[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico
«Per il suo lavoro nello stabilire case per anziani Abbeyfield in Gran Bretagna»
— 10 giugno 1983[5]
Knight Bachelor - nastrino per uniforme ordinaria Knight Bachelor
«In riconoscimento del suo lavoro nella fuga dei bambini Cechi»
— 2002[6][7][8]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di IV Classe dell'Ordine di Tomáš Garrigue Masaryk (Repubblica Ceca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di IV Classe dell'Ordine di Tomáš Garrigue Masaryk (Repubblica Ceca)
— 1998[9]
Croce al Merito del Ministero della Difesa di I Classe (Repubblica Ceca) - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito del Ministero della Difesa di I Classe (Repubblica Ceca)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ International Kindertransport Organizer Nicholas Winton Dies at 106 (en) Abcnews.go.com
  2. ^ (EN) Statue for 'British Schindler' Sir Nicholas Winton, in BBC News, 18 settembre 2010. URL consultato il 24 novembre 2013.
  3. ^ (EN) winton.dk, http://www.winton.dk/. URL consultato il 24 novembre 2013.
  4. ^ Nicholas Winton salutato dai "bambini", ora adulti, che aveva salvato
  5. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 49375, 10 giugno 1983, p. 17. URL consultato il 24 novembre 2013.
  6. ^ The London Gazette (PDF), nº 49375, 10 June 1983, p. 17. URL consultato il 9 September 2009.
  7. ^ The London Gazette (PDF), nº 56797, 31 December 2002, p. 2. URL consultato il 9 September 2009.
  8. ^ The London Gazette (PDF), nº 57030, 15 August 2003, p. 10218. URL consultato il 9 September 2009.
  9. ^ (EN) List of holders of the Tomas Garrigue Masaryk Order, Castello di Praga. URL consultato il 24 novembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN98307894 · LCCN: (ENn2001088349 · ISNI: (EN0000 0001 1453 1134 · GND: (DE123796733