My War

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
My War
album in studio
ArtistaBlack Flag
Pubblicazione1984[1]
Durata40:06[1]
Dischi1
Tracce9
GenereL.A. punk
American punk
Hardcore punk
EtichettaSST Records[1]
ProduttoreGreg Ginn[2]
Spot[2]
Black Flag - cronologia
Album precedente
Album successivo

My War è il secondo album della band hardcore punk Black Flag, pubblicato nel 1984 dalla SST Records[1].

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il fondatore dei Black Flag, Greg Ginn, in questo album suona sia il basso che la chitarra, strumento col quale suona di solito; Dale Nixon è uno pseudonimo creato apposta per la figura del bassista nell'album. L'album fu pubblicato solo dopo una lunga pausa della band causata da una disputa legale con la Unicorn Records.

Il lato A contiene tracce simili come ritmo e strutture musicali al precedente Damaged, mentre il lato B ha canzoni diverse dalle prime; hanno un ritmo più lento e durano in media 6 minuti ognuna[3].

È considerato uno dei primi album sludge metal insieme ai primi dischi dei Melvins.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. My War – 3:46 (Chuck Dukowski)
  2. Can't Decide – 5:22 (Greg Ginn)
  3. Beat My Head Against the Wall – 2:34 (Greg Ginn)
  4. I Love You – 3:27 (Chuck Dukowski)
  5. Forever Time – 2:30 (Greg Ginn/Henry Rollins)
  6. The Swinging Man – 3:04 (Greg Ginn/Henry Rollins)
Lato B
  1. Nothing Left Inside – 6:44 (Greg Ginn/Henry Rollins)
  2. Three Nights – 6:03 (Greg Ginn/Henry Rollins)
  3. Scream – 6:52 (Greg Ginn)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Scheda su Allmusic.com
  2. ^ a b Allmusic.com
  3. ^ (EN) Ryan Ritchie, 10 punk album to listen to before you die, su ocweekly.com, 6 November 2012. URL consultato il 24 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2019).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Aspesi, Stefano Ceroni, Luca Collepiccolo e Teo Segale, Le guide pratiche di Rumore - Hardcore punk (1981 - 2001), Pavia, Apache Edizioni, 2001.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk