Monte Galbiga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Galbiga
Montegalbiga.jpg
La Galbiga (la vetta in centro), vista dalla cima della Duaria
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
ProvinciaComo Como
Altezza1 698 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate46°00′43″N 9°09′39″E / 46.011944°N 9.160833°E46.011944; 9.160833Coordinate: 46°00′43″N 9°09′39″E / 46.011944°N 9.160833°E46.011944; 9.160833
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Galbiga
Galbiga
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Galbiga
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Nord-occidentali
SezionePrealpi Luganesi
SottosezionePrealpi comasche
SupergruppoCatena Tremezzo-Generoso-Gordona
GruppoGruppo del Tremezzo
CodiceI/B-11.I-B.4

Il monte Galbiga è una montagna delle Prealpi Luganesi, alta 1.698 m s.l.m. Si trova in provincia di Como sulla sponda occidentale del Lario, chiude ad ovest la val Perlana.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dalla vetta nelle giornate terse si possono vedere ben sei laghi in fila: da sud-ovest a nord-est il Lago Maggiore, il lago di Muzzano, il lago di Lugano, il lago del Piano, il lago di Como e il lago di Mezzola. Inoltre è ben visibile a nord la cittadina di Porlezza, il monte Grona e a sud la val Perlana e la val d'Intelvi. Non manca una bella vista sulle Alpi tra le quali spicca il Monte Rosa.

Rifugi[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio Venini-Cornelio sorge a 1576 m s.l.m. nella sella tra il monte Galbiga ed il monte di Tremezzo. Un cannone anticarro 47/32 Mod. 1935 del Regio Esercito è posteggiato nel piazzale davanti all'edificio.

Osservatorio[modifica | modifica wikitesto]

L'osservatorio astronomico

Dal 2002 è attivo un osservatorio astronomico con cupola del diametro di 4 m e un telescopio Schmidt Cassegrain da 35,6 cm.[1]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nei pressi della vetta è sito un piccolo osservatorio astronomico e sulla cima sono posti una croce,una statuina della Vergine, un altare ed uno spazio adibito a chiesa, inaugurati e benedetti dal cardinale Carlo Maria Martini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Osservatorio, su astrofililariani.org.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Il monte Calbiga su geofinder.ch.