Monica Bonvicini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Monica Bonvicini (Venezia, 1965) è un'artista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Monica Bonvicini ha studiato Arte a Berlino e alla Cal Arts di Valencia, in California. Dal 2003 è professore ordinario di Arti Performative e Scultura all'Accademia di Belle Arti di Vienna. A partire da ottobre 2017 ha assunto la cattedra di Scultura all'Universität der Künste, Berlino. Vive e lavora a Berlino.

Monica Bonvicini ha iniziato a esporre a livello internazionale a metà degli anni '90. La sua pratica - che si esprime attraverso differenti media e che indaga il rapporto tra architettura, potere, genere, spazio e controllo - è tradotta in opere che mettono in discussione il significato del fare arte, l'ambiguità del linguaggio, i limiti e le possibilità legati all'ideale di libertà. La ricerca di Bonvicini - che ha sempre forti riferimenti storici, politici e sociali - non si astiene mai dallo stabilire una connessione critica con i luoghi in cui è esposta, i materiali che la compongono e il ruolo di spettatore e creatore. Questo approccio, che è stato al centro della sua produzione sin dalla prima mostra personale al California Institute of the Arts nel 1991, si è evoluto formalmente nel corso degli anni senza tradire la sua forza analitica e la sua inclinazione a sfidare la prospettiva dello spettatore mentre affronta grandi riflessioni socio-culturali.

Bonvicini ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Leone d'oro alla Biennale di Venezia (1999); la Preis der Nationalgalerie für junge Kunst, dello Staatliche Museen zu Berlin (2005); il Rolandpreis für Kunst per l'arte in pubblico della Fondazione Brema, Germania (2013), il premio Hans Platschek per l'arte e la scrittura, Germania (2019), il premio Oskar Kokoschka, Austria (2020). Il suo lavoro è stato esposto in molte biennali, tra cui Berlino (1998, 2004, 2014), La TriennaIe Paris (2012), Istanbul (2003, 2017), Gwangju (2006), New Orleans (2008) e Venezia (1999, 2001, 2005, 2011, 2015). Ha tenuto mostre personali al Palais de Tokyo di Parigi (2002), Modern Art Oxford, Inghilterra (2003), Secession, Vienna (2003), Staedtisches Museum Abteiberg (2005, 2012), Sculpture Center (2007), Art Institute di Chicago (2009), Kunstmuseum Basel (2009), Frac des Pays de la Loire (2009), Kunsthalle Fridericianum a Kassel (2011), Centro de Arte Contemporaneo de Malága, Spagna (2011), Deichtorhallen Hamburg (2012), Kunsthalle Mainz (2013), BALTIC Center for Contemporary Art (2016), Berlinische Galerie (2017) e Belvedere 21 (2019).

In Italia è rappresentata dalla Galleria Raffaella Cortese, Milano. Inoltre, è rappresentata da Galerie Peter Kilchmann, Zurigo, König Galerie, Berlino e Mitchell-Innes & Nash, New York

Premi e Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

2020 Oskar Kokoschka Prize, Vienna (Austria) - 2019 Premio ACACIA alla Carriera, Milan (Italy) - Hans Platschek Prize (Germany) - 2012 Roland Prize for Art in Public Space, Stiftung Bremer Bildhauerpreis, Bremen (Germany) - 2010 Winning Artist of the Light Art competition for the London Olympic Park, London (GB) - 2007 Assigned the public commission for HUN LIGGER (SHE LIES), a site-specific sculpture floating on the water in front of the New Opera House in Oslo (Norway) - 2005 Preis der Nationalgalerie fur Junge Kunst, Berlin (Germany) - 2002 Overbeck-Preis, Lubeck (Germany) - 2000 – 2001 Kunstfond, Bonn (Germany) - 1999 Golden Lion for best Pavillon, Biennale di Venezia, Venice (Italy) - 1998 – 99 Auslandsstipendium from the Berlin Senate for Cultural Affairs and the Art Center of Design in Pasadena, CA (USA) - 1998 Paul Cassierer Prize, Berlin (Germany) - 1996 – 1997 Studio program at Kunst-Werke, Berlin (Germany) - 1995 – 1996 Artist in Residence from the Berlin Senate for Cultural Affairs and the Whitechapel Art Gallery, London (GB) - 1994 – 1995 Studio program at Kunst-Werke, Berlin (Germany) - 1994 Photography grant from the Berlin Senate for Cultural Affairs, Berlin (Germany)

Collezioni Pubbliche[modifica | modifica wikitesto]

MAXXI, Rome (Italy) - Museum of Modern Art, New York (USA) - Neue Nationalgalerie Berlin (Germany) - Museion, Bozen (Italy) - MAMbo, Museo d´Arte Moderna di Bologna (Italy) - Arco Foundation, Madrid (Spain) - Castello di Rivoli, Turin (Italy) - Galleria d’Arte Moderna, Turin (Italy) - Städtisches Museum Abteiberg, Mönchengladbach (Germany) - Staatliche Museen zu Berlin, Kupferstichkabinett, Berlin (Germany) - Walker Art Center, Minneapolis (USA) - Coleccion Jumex, Mexico City (Mexico) - Fonds Regional d’Art Contemporain (Frac) des Pays de la Loire, Carquefou (France) - Istanbul Museum of Modern Art, Istanbul (Turkey) - Wroclaw Contemporary Museum, Wroclaw (Poland) - Museum Sztuki, Lodz (Poland) - Lenbachhaus, Munich (Germany) - Migros Museum für Gegenwartskunst, Zürich (Switzerland) - Neue Galerie, Graz (Austria) - Sammlung Hoffmann, Berlin (Germany) - Sammlung Institut für Auslandsbeziehungen (IFA), Berlin (Germany) - Sharjah Art Foundation, Sharjah - Thyssen-Bornemisza Art Contemporary, Vienna (Austria)

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN52568464 · ISNI (EN0000 0000 3375 896X · LCCN (ENn2001113721 · GND (DE122347579 · BNF (FRcb13623291f (data) · BNE (ESXX5151395 (data) · ULAN (EN500336376 · WorldCat Identities (ENlccn-n2001113721