Kupferstichkabinett

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kupferstichkabinett
Kupferstichkabinett
Berlin Kulturforum Kunstbibliothek und Kupferstichkabinett.jpg
Museo di Belle Arti di Berlino
Ubicazione
StatoGermania Germania
LocalitàBerlino-Tiergarten
IndirizzoMatthäikirchplatz
Caratteristiche
TipoDisegni
ProprietàMusei statali di Berlino
Sito web

Coordinate: 52°30′30.24″N 13°22′01.2″E / 52.5084°N 13.367°E52.5084; 13.367

Il Kupferstichkabinett (Galleria di incisioni) è un museo di Berlino, sito nel Kulturforum.

Collezione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 furono raccolte in questo edificio le collezioni di stampe ed incisioni di Berlino Est e Berlino Ovest. Il nucleo originario della collezione è costituito dalle stampe raccolte a partire dal 1652 dal Grande Elettore. Tale collezione venne per la prima volta esposta al pubblico nel 1831. A causa della guerra essa subì notevoli perdite, ma rimane comunque di dimensioni molto ampie. Vanta infatti circa 2.000 incisioni, più di 520.000 stampe e oltre 80.000 tra disegni ed acquerelli. Solo una parte della collezione viene però esposta: il museo non ha dunque una collezione permanente, ma solo esposizioni temporanee. Fra i tanti artisti, sono presenti: Sandro Botticelli, Albrecht Dürer, Rembrandt, Antoine Watteau, Francisco Goya, Honoré Daumier e opere della Brücke.

Le raccolte di disegni e di opere di grafica vanno dal Medioevo all'età presente e includono sanguigne, disegni a penna e a punta d'argento. Un indice di filigrane, continuamente aggiornato, è di sostegno alla datazione dei disegni antichi su carta. Si conservano manoscritti miniati, album con schizzi, disegni topografici. Tra gli artisti presenti ci sono Dürer, Matthias Grünewald, Sandro Botticelli[1], Altdorfer, Hieronymus Bosch, Pieter Bruegel il Vecchio, Caspar David Friedrich, Andrea Mantegna, Rembrandt, Luca Signorelli[2], Giambattista Tiepolo. Tra gli artisti più recenti, Ernst Ludwig Kirchner, Edvard Munch, Pablo Picasso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN132000764 · ISNI (EN0000 0001 2248 5094 · GND (DE2016864-0 · BNF (FRcb119886243 (data)