Mino Fiocchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giacomo (detto Mino) Fiocchi (Lecco, 28 novembre 1893Appiano Gentile, 1983) è stato un architetto italiano.

Casa Fiocchi a Milano (1924-25)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Erede di un'importante famiglia di imprenditori, tuttora attiva nel campo della produzione di proiettili, Fiocchi si laureò in architettura presso il Politecnico di Milano nel 1919.

Nel 1921 vinse ex aequo il concorso Camillo Boito per il nuovo piano regolatore dell'Isola Comacina, dove sarebbe dovuto sorgere un villaggio per artisti: il progetto venne considerato soprattutto per la sua armonizzazione con la tradizione rustica locale, per la sua praticità e per come si integrava nel panorama esistente.

In quell'occasione nacque il Gruppo di Studio Sant'Orsola, composto da Fiocchi e da altri grandi progettisti dell'epoca quali Giò Ponti, Giovanni Muzio ed Emilio Lancia.

Fiocchi preferì lavorare da solo lungo tutta la sua carriera, interessandosi soprattutto al tema dell'abitazione e delle residenze urbane e di villeggiatura. Operò esclusivamente nel territorio di Lecco e nell'area urbana di Milano, dove Fiocchi aveva uno studio in Via Cernaia 6 nel Palazzo Fiocchi da lui stesso progettato, legandosi ad un tipo di committenza di origine borghese. Per la famiglia Falck si cimentò nell'architettura funeraria realizzandone, fra il 1939 e il 1942, la tomba di famiglia presso il Cimitero Monumentale di Milano: l'edicola è completata da sculture di Giannino Castiglioni.

Intorno a Lecco soprattutto Fiocchi realizzò delle residenze alpine, pensate per integrarsi nell'ambiente montano: caratterizzate esternamente da un blocco edilizio in muratura sovrastato da copertura a falde spioventi, mantenevano le soluzioni interne delle abitazioni urbane.

I lavori più rilevanti in questo filone sono la Baita Giulia Devoto Falck di Cortina d'Ampezzo del 1936, basata su una struttura seicentesca; la Baita La Roccella di Pian dei Resinelli (1938), progettata per la sua famiglia; il Rifugio Nino Castelli ai Piani di Artavaggio (Moggio) del 1926, poi ampliato nel 1928, il vicino rifugio Giuseppe Cazzaniga, di stile militaresco e Baita Minuccia a Esino Lario, progettata per l'amico Michele Vedani nel 1925 .[1]

Negli interventi milanesi Fiocchi ha sempre cercato di evitare l'anonimato urbano "senza dignità", cercando di sviluppare progetti che fossero profondamente radicati sulle caratteristiche del sito di edificazione: da questo derivano la scelta frequente di impostare gli assi principali del fabbricato in armonia con quelli dei lotti di costruzione, e una costante attenzione all'essenzialità che però non comprometteva la presenza di elementi rappresentativi in grado di correlare l'edificio con la committenza. Molta attenzione veniva prestata da Fiocchi alla comunicazione stradale degli interventi tramite cartellonistica.

Ebbe anche un occhio particolare anche per la nascente edilizia sociale, lavorando al quartiere Pescarenico di Lecco e alle case popolari per l'industria di famiglia. A Lecco fu autore anche di quindici ville sul lago e della Chiesa dei frati Cappuccini di Viale Turati: tra queste Villa Fiocchi, realizzata per il fratello Lodovico, di ispirazione palladiana.

Fiocchi lavorò a oltre 200 edifici nei 50 anni di carriera: Tra le opere nella sola città di Lecco vanno citate:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Fiocchi, Mino Fiocchi architetto. Mezzo secolo di progetti, ed. L'Archivolto, 1981, ISBN 8876850090
  • B. Bianchi, G. Gambirasio, E. Mantero, Mino Fiocchi architetto, Lecco, Comune di Lecco, 1986
  • L. Bolzoni, Architettura moderna nelle Alpi italiane dal 1900 alla fine degli anni Cinquanta, in "Quaderni di cultura alpina", Priuli & Verlucca, Ivrea, 2000
  • L. Bolzoni, Architettura moderna nelle Alpi italiane dagli anni Sessanta alla fine del XX secolo, in "Quaderni di cultura alpina", Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001
  • M. Cereghini, Costruire in montagna, Ed. del Milione, Milano, 1950
  • A. Disertori, Casa Fiocchi a Milano, in "Dedalo" n. 6, 2000
  • A. C. Buratti, O. Selvafolta, Mino Fiocchi Disegni di architettura. Residenze unifamiliari tra lago e montagna, Cattaneo editore, Politecnico di Milano, Oggiono 2015 ISBN 9788897594161

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie