Mi piace cantare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mi piace cantare
Mi piace cantare.png
Fritz Owl scopre il figlio mentre canta "I Love to Singa" invece di "Drink to Me Only with Thine Eyes"
Titolo originaleI Love to Singa
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno1936
Durata8 min
Rapporto1,37:1
Genereanimazione, commedia, musicale
RegiaTex Avery
ProduttoreLeon Schlesinger
Casa di produzioneLeon Schlesinger Productions
Distribuzione (Italia)Warner Bros.
MontaggioTreg Brown
MusicheNorman Spencer
AnimatoriChuck Jones, Virgil Ross, Robert Clampett, James Cullhane, Robert Cannon, Joe D'Igalo, Stan Quackenbush, Sidney Sutherland, Thomas McKimson
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Mi piace cantare (I Love to Singa) è un film del 1936 diretto da Tex Avery. È un cortometraggio d'animazione della serie Merrie Melodies, prodotto dalla Leon Schlesinger Productions e uscito negli Stati Uniti il 18 luglio 1936, distribuito dalla Warner Bros.. Il corto, che è uno spensierato tributo al film Il cantante di jazz con Al Jolson, raffigura la storia di un gufetto che vuole cantare jazz al posto della musica classica che piace ai suoi genitori tedeschi. Il corto fu rieditato con il marchio "Blue Ribbon" il 18 novembre 1944.

Com'era allora consuetudine, il corto si basa su una canzone di un film Warner Bros. In questo caso, "I Love to Singa" era stata scritta da Harold Arlen ed E.Y. Harburg per The Singing Kid, un film con lo stesso Al Jolson uscito tre mesi prima del corto. Nel film la canzone viene eseguita tre volte da Jolson: prima con Cab Calloway, poi con gli Yacht Club Boys e infine di nuovo con Calloway. Il corto, una delle prime Merrie Melodies prodotte nel processo Technicolor a tre strisce, è riconosciuto come uno dei primi capolavori di Avery, e negli ultimi anni è diventato una sorta di film di culto con diverse citazioni nella cultura popolare.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A casa del professor Fritz Owl, insegnante di musica classica, si schiudono quattro uova da cui nascono quattro gufetti. Il primo è un tenore che canta "Chi mi frena in tal momento" dalla Lucia di Lammermoor, il secondo è un violinista che suona il "Träumerei" dalle Scene infantili, il terzo è un flautista che si esibisce nella "Frühlingslied" dalle Romanze senza parole, mentre il quarto è un cantante di jazz, genere odiato dai genitori. Dopo aver tentato, senza successo, di fargli cantare "Drink to Me Only with Thine Eyes" accompagnato all'armonium dalla madre, Fritz caccia di casa il figlio. Quest'ultimo si imbatte in un concorso radiofonico per dilettanti condotto da Jack Bunny (gioco di parole su Jack Benny). Tra quelli rifiutati, un uccello che suona "Listen to the Mocking Bird" all'armonica, un merlo che suona "Nola" al sassofono, un uccello che suona "Turkey in the Straw" alla fisarmonica, un altro che canta "Ridi pagliaccio" (ma con testo diverso), una gallina che canta "I'm Forever Blowing Bubbles" e un uccello balbuziente che recita "Simple Simon". Battezzatosi Gufo Jolson (in originale "Owl Jolson", riferimento ad Al Jolson), il gufetto si mette a cantare "I Love to Singa". La madre lo sente alla radio e si reca allo studio con il resto della famiglia per riportarlo a casa. Jack Bunny, impressionato dall'esibizione, si accinge a premiare Gufo Jolson, ma quest'ultimo, vedendo la propria famiglia arrivata fuori dalla stanza, inizia a cantare "Drink to Me Only with Thine Eyes". Jack Bunny lo sta per cacciare, ma Fritz, riconoscendo il talento del figlio, interviene e canta "I Love to Singa" con tutta la famiglia. Gufo Jolson vince così il concorso.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il corto fu doppiato in italiano per la televisione alla fine degli anni novanta dalla Time Out Cin.ca. Non essendo stata registrata una colonna sonora senza dialoghi, nelle scene parlate la musica fu sostituita. Le canzoni rimasero quindi in inglese, mentre la filastrocca "Simple Simon" fu tradotta.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Il corto è incluso (con i titoli originali ripristinati) nel disco 4 della raccolta DVD Looney Tunes Golden Collection: Volume 2 e nel doppio DVD Il meglio di Warner Bros. - 50 Cartoons da collezione Looney Tunes. È stato inoltre inserito come contenuto speciale nell'edizione a due dischi e nel Blu-ray Disc di Happy Feet, dove è però visibile solo in lingua originale con sottotitoli.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]