Meningite luetica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoci principali: Sifilide, Meningite.

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La Meningite luetica è una forma di meningite con la presenza di liquor limpido.

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

I sintomi e i segni clinici oltre a quelli comuni delle meningiti (cefalea, fotofobia e brividi) ve ne sono altri come paralisi dei nervi cranici, sindrome da compressione midollare e idrocefalo.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Le meningi possono essere interessate anche in alcune forme di sifilide, come quella congenita e acquisita il loro coinvolgimento porta alla meningite.

Liquor[modifica | modifica wikitesto]

La reazione di Wassermann è positiva sul liquor, nelle forme secondarie viene ad aumentare lievemente la proteinorrachia mentre in quelle primarie si presenta come asintomatica.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Il trattamento avviene tramite somministrazione di farmaci:

  • Benzilpenicillina sodica o potassica (4 milioni di U x 4 al giorno per 15-20 giorni, tramite endovena);
  • Benzilpenicillina procainica (4 milioni di U x 4 al giorno) che deve però essere associata alla somministrazione di altre sostanze;
  • Ceftriaxone (1 grammo al giorno per 14 giorni), il suo uso è risultata fra le terapie più efficaci.


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gaetano Filice, Malattie infettive, 2ª edizione, Milano, McGraw-Hill, 1998, ISBN 88-386-2362-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina