Melitopol'

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Melitopol'
comune
(UK) Мелітополь
Melitopol' – Stemma Melitopol' – Bandiera
Melitopol' – Veduta
Localizzazione
StatoUcraina Ucraina
Oblast'Flag of Zaporizhia Oblast.svg Zaporižžja
DistrettoMelitopol'
Amministrazione
Sindaco(de iure) Ivan Sergijovič Fedorov

(de facto) Galina Danilčenko

Territorio
Coordinate46°50′25″N 35°21′32″E / 46.840278°N 35.35889°E46.840278; 35.35889 (Melitopol')
Altitudine38 m s.l.m.
Superficie49,66 km²
Abitanti156 984[1] (2021)
Densità3 161,18 ab./km²
Altre informazioni
Lingueucraino
Cod. postale72300—324
Prefisso+380-619(2)
Fuso orarioUTC+2
Codice KOATUU2310700000
TargaAP
Cartografia
Mappa di localizzazione: Ucraina
Melitopol'
Melitopol'
Sito istituzionale

Melitopol' (in ucraino: Мелітополь?, in italiano desueto anche Melitopoli[2]) è una città dell'Ucraina sud-orientale nell'oblast' di Zaporižžja.

La sua popolazione è stimata in 150 768 abitanti[1] nel 2021. Dal 1 marzo 2022 è occupata militarmente dalla Federazione Russa, nel complesso della più ampia invasione dell'Ucraina iniziata il 24 febbraio scorso.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu fondata nel 1784 sotto il regno di Caterina II di Russia col nome di Kyzil-Jar. Dal 1816 al 1842 si chiamò Novoaleksandrovka.

Durante l'Invasione russa dell'Ucraina del 2022 la città viene attaccata dalle forze russe il 25 febbraio e catturata il 1º marzo. Il sindaco democraticamente eletto viene rimosso dalle forze occupanti russe e sostituito da una collaborazionista, che subito chiede ai cittadini di cessare qualsiasi resistenza e di accettare la nuova situazione.[3]

Luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Gorytos scita d'oro, IV secolo a.C.

Museo della storia locale[modifica | modifica wikitesto]

Il museo della storia locale di Melipol (ucraino: Мелітопольський краєзнавчий музей), aperto nel 1913 e situato nel palazzo Chernikov, ospita quasi 60 000 reperti storici e naturali inerenti alla regione locale. Tra questi, spiccava una collezione unica di reperti sciti del IV secolo a.C. recuperati dagli scavi nei kurgan nei dintorni di Melitopol,[4] trafugata dalle truppe russe un mese dopo la sua caduta durante l'invasione russa dell'Ucraina.[5]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Чисельність наявного населення України на 1 січня 2021 / Number of Present Population of Ukraine, as of January 1, 2021 (in Ukrainian and English). Kyiv: State Statistics Service of Ukraine
  2. ^ Ufficio storico della marina militare, La Marina italiana nella seconda guerra mondiale, compilatore Pier Filippo Lupinacci, revisore Aldo Cocchia, 11: Attività della marina in Mar Nero e sul lago Ladoga, Roma, Istituto poligrafico dello Stato, 1962 [1961], SBN IT\ICCU\SBL\0043975.
  3. ^ (EN) T. O. I. staff, Agencies, Russia installs ‘new mayor’ in Ukrainian city after allegedly kidnapping predecessor, su www.timesofisrael.com. URL consultato il 13 marzo 2022.
  4. ^ Мелитопольский городской краеведческий музей - MGK Мелитополь, su mgk.zp.ua. URL consultato il 10 marzo 2022.
  5. ^ Paolo Brera, "I musei ucraini saccheggiati dai russi, sparito da Melitopol l'immenso tesoro degli antichi Sciti", in La Repubblica, 1º maggio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN126701609 · LCCN (ENn82273914 · GND (DE4250113-1 · J9U (ENHE987007562123805171
  Portale Ucraina: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Ucraina