Mayy Ziyade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mayy Ziyade (in arabo: مي زيادة‎, Mayy Ziyāda; Nazaret, 11 febbraio 1886[1][2]Il Cairo, 17 ottobre 1941) è stata una scrittrice e poetessa libanese-palestinese (nata nell'allora Mutasarrifato del monte Libano, all'epoca parte del vilayet di Siria).

May Ziyada.

Nata Mārī Iliyās Ziyāde o Ziadé, Ziyada o Ziadeh fu una prolifica scrittrice e poetessa arabografa.

Fu una figura-chiave della Nahda politico-culturale ai primi del XX secolo. È nota anche per essere stata un'importante femminista araba."[2][3][4]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gioventù[modifica | modifica wikitesto]

Mayy Ziyade nacque nel Mutasarrifato del monte Libano da padre cristiano maronita (famiglia Shahtul) e da madre palestinese cristiana-ortodossa, Nazīha Muʿammar. Suo padre, Elias Ziade, era direttore del giornale al-Maḥrūsa.

Ziyade frequentò la scuola elementare a Nazaret. Dato che il padre proveniva dalla regione libanese del Kesruwan del Monte Libano, a 14 anni si spostò a ʿAyn Ṭūra (Aintoura) per proseguire gli studi secondari in un convento-scuola francese per ragazzi.[2] I suoi studi colà la avvicinarono alla letteratura francese e a quella romantica, che la affascinarono in modo particolare.[5] Frequentò varie scuole cattoliche in Libano e nel 1904 tornò a Nazaret dai suoi genitori.[2] Si dice che abbia pubblicato i suoi primi articolo all'età di 16 anni.

Ziyade non si sposò mai, ma ebbe una importante relazione intellettuale con uno dei grandi letterati arabi del XX secolo, il poeta e scrittore !libanese-statunitense Khalil Gibran. Sebbene i due non s'incontrassero mai (Gibran viveva a New York), essi mantennero una stretta e fervida corrispondenza epistolare per 19 anni, fino alla morte di Gibran nel 1931.[6]

Tra il 1928 e il 1932, Ziyade patì una serie di perdite personali, a cominciare della morte dei genitori, di suoi amici e, soprattutto, di Khalil Gibran. Cadde in uno stato di profonda depressione e a nulla servirono i suoi viaggi in Francia, nel Regno Unito e in Italia (a Roma).
Tornò in Libano dove i suoi parenti la ricoverarono però in un ospedale psichiatrico per nove mesi, affinché riprendesse il controllo di se stessa,[1] ipotizzando che fosse malata di neurastenia e isteria. Il giornale libanese al- Makshŭf perorò il suo caso perché fosse dimessa, con il sostegno di illustri intellettuali quali Amīn al-Rīḥānī, Charles Mālik e Qusṭanṭīn Zurayq, oltre al Principe ʿAbd al-Qādir al-Jazāʾirī. Nawāl al-Saʿdāwī, non senza una qualche esagerazione, dice che Mayy fosse rinchiusa in ospedale per aver manifestato i propri sentimenti femministi.[4]

Mayy Ziyade fu profondamente umiliata e ferita da quella decisione; Ziyade alla fine si riprese e uscì dall'ospedale dopo che un rapporto medico aveva dimostrato che era di perfetta salute mentale. Si spostò al Cairo, dove morì il 17 ottobre 1941.[2][7]

Giornalismo e studi linguistici[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1908, era emigrata con la famiglia in Egitto. Suo padre fondò il giornale "al-Maḥrūsa" mentre la famiglia era in Egitto e Mayy Ziyade contribuì al quotidiano con un certo numero di articoli.[2]

Ziyade era particolarmente interessata alla conoscenza delle lingue, studiandole privatamente a casa grazie a un paio di francesi cattolici, e nella Università Egiziana (d'impianto laico e moderno) dove seguì Filosofia e Letteratura. Studiò con grande passione varie lingue moderne e, come risultato, Ziyade divenne pienamente bilingue (in Lingua araba e lingua francese), acquisendo anche una buona conoscenza professionale dell'inglese, dell'italiano, tedesco, spagnolo, latino e greco moderno.[8] Si laureò nel 1917.[1]

Figura-chiave letteraria araba[modifica | modifica wikitesto]

Ziyade è ben nota nei circoli letterari arabi, accogliendo numerosi scrittori e scrittrici e intellettuali nel suo salone letterario creato nel 1912. Tra quanti frequentarono il suo salone possiamo ricordare Muḥammad ʿAbduh, Ṭāhā Ḥusayn, Khalīl Muṭrān, Aḥmed Luṭfī al-Sayyed, Qāsim Amīn, Anṭūn Jumayyil (Gemayel), Walieddine Yakan, ʿAbbās al-Akkād e Yaʿqūb Sarrūf.[2]

Fu suo merito aver fatto conoscere la poesia di Gibran in Egitto[9]

Basi etico-filosofiche[modifica | modifica wikitesto]

Femminismo[modifica | modifica wikitesto]

Diversamente dalla principessa Nazli Fadil e Hoda Sha'rawi, Mayy Ziyade fu più una 'donna di lettere' che una riformatrice sociale. Tuttavia si occupò del giovane movimento di emancipazione della donna.[10] Ziyade ne fu profondamente coinvolta: un compito da affrontare prima di tutto, affrontando l'ignoranza e in seguito le tradizioni anacronistiche. Ella considerava che le donne fossero l'elemento basilare di ogni società umana e scrisse che una donna non liberata non poteva alimentare i figli col proprio latte quando questo avesse la forte puzza del servaggio.[2]

Mayy specificò che l'evoluzione femminile verso l'uguaglianza non fosse obbligata a rinunciare alla propria femminilità, ma che piuttosto fosse un processo da sviluppare in modo parallelo.[2] Nel 1921, Mayy partecipò a un congresso dal titolo "Il fine della vita", in cui invitò le donne arabe ad aspirare alla libertà e ad essere aperte nei confronti dell'Occidente, senza rinunciare all'identità culturale araba.[3] Malgrado la sua morte nel 1941, il suo lascito spirituale rappresenta ancora un ideale del primo movimento del femminismo libanese. Ziyade credeva nella liberazione della donna e il primo movimento si focalizzava sul da farsi in materia di istruzione, di diritti elettorali attivi e passivi e, infine, nell'adeguata partecipazione femminile alla politica e a una corretta rappresentanza nelle istituzioni statali.[11]

Romanticismo e Orientalismo[modifica | modifica wikitesto]

Portandosi dietro come patrimonio romantico quanto acquisito fin dalla fanciullezza, Mayy Ziyade fu positivamente influenzata da Lamartine, Byron, Shelley e infine Gibran. Ciò è evidente nella maggior parte delle sue opere. Spesso rifletteva sulla sua nostalgia per il Libano e la sua fertile, sensibile e vibrante immaginazione fa parte della sua personalità misteriosa, malinconica e disperata.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Il primo lavoro pubblicato da Mayy fu Fleurs de rêve (1911): un volume di poesia, scritto in francese, usando come pseudonimo Isis Copia. Scrisse assai ampiamente in quella lingua e, occasionalmente, in inglese e in italiano, ma prese a scrivere sempre più sovente in arabo man mano che si chiariva il suo mondo culturale. Pubblicò scritti di critica letteraria e biografie, volumi di poesia in versi liberi (senza rima o attenzione alla metrica), saggi e novelle. Tradusse numerosi autori europei, incluso Sir Arthur Conan Doyle dall'inglese, 'Brada' (la Contessa italiana Henriette Consuelo di Puliga) dal francese, e Max Müller dal tedesco. Ospitò nel suo salone al Cairo famosi letterati arabi durante gli Anni venti e gli Anni trenta del XX secolo.[12]

Tra i suoi lavori in arabo maggiormente noti figurano:

- Bāḥithat al-Bādiya باحثة البادية ("La ricercatrice del deserto", pseudonimo di Malak Hifni Nasif)
- Sawāneḥ fatāt سوانح فتاة
- Ẓulumāt wa Ishaʿa ظلمات وأشعة
- Kalimāt wa Ishārāt كلمات وأشارات
- al-Ṣahā ʾif الصحائف
- Ghāyat al-Ḥayyāt غاية الحياة
- Al-Musāwāt المساواة
- Bayna l-Jazri wa l-Madd بين الجزر والمد

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Previously Featured Life of a Woman: May Ziade, Lebanese Women's Association, url= Copia archiviata, su lebwa.org. URL consultato il 19 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2007).
  2. ^ a b c d e f g h i j May Ziade: témoin authentique de son époque, Art et culture. URL consultato il 19 maggio 2007.
  3. ^ a b Boustani, 2003, p. 203.
  4. ^ a b Peterson and Lewis, 2001, p. 220.
  5. ^ Notice sur la poetesse May Ziade, su biblib.com, BIBLIB. URL consultato il 19 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2007).
  6. ^ Khalil Gibran, Blue Flame: The Love Letters of Khalil Gibran to May Ziadah, edite e tradotte da Suheyl Bushruwi e Salma Kuzbari, Harlow, England, Longman, 1983, ISBN 0-582-78078-0.
  7. ^ Khaldi, 2008 p. 103
  8. ^ Notice sur la poetesse May Ziade, BIBLIB. URL consultato il 19 maggio 2007 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2007).
  9. ^ Gibran, 2006, p. 22.
  10. ^ Zeidan, 1995, p. 75
  11. ^ Four Waves of Lebanese Feminism, su E-International Relations. URL consultato il 17 febbraio 2017.
  12. ^ Ziegler, p. 103

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Ulteriori riferimenti bibliografici[modifica | modifica wikitesto]

  • (IT) Ettore Rossi, "Una scrittrice araba cattolica Mayy (Marie Ziyādah)", in: Oriente Moderno, V, n. 11 (Nov. 1925), pp. 604-613.
  • (EN) Bloomsbury Guide to Women's Literature
  • (EN) Marilyn Booth, "Biography and Feminist Rhetoric in Early Twentieth Century Egypt: Mayy Ziyada's Studies of Three Women's Lives", in: Journal of Women's History 3:1 (1991), pp. 38–64
  • (EN) Tahir Khemiri & G. Kampffmeyer, Leaders in Contemporary Arabic Literature: A Book of Reference (1930), pp. 24–27
  • (EN) Joseph T. Zeidan, Arabic Women Novelists: The Formative Years and Beyond, 1995.
  • (EN) Antje Ziegler, "Al-Haraka Baraka! The Late Rediscovery of Mayy Ziyāda's Works", Die Welt des Islams 39:1 (1999), pp. 103–115

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89808276 · ISNI (EN0000 0000 8163 1461 · LCCN (ENn79091937 · BNF (FRcb11961296r (data)