Nahda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine nahda (in arabo rinascimento, risorgimento) allude a una realtà molto composita di atteggiamenti mentali e di espressioni politiche e sociali frutto dell'effervescenza della cultura e dell'intellettualità arabo-islamiche mentre l'impero ottomano languiva e poi definitivamente si spegneva, e mentre le potenze europee si disputavano l'egemonia nel Medio Oriente alla fine del XIX secolo.

La nahda si espresse a molteplici livelli:

  1. il livello pubblico
  2. il livello sociale
  3. il livello politico
  4. il livello filosofico e culturale
Livello pubblico

Il grande sviluppo del giornalismo a partire dalla metà del XIX secolo, soprattutto con giornalisti arabi di origine sirolibanese che emigravano verso il Cairo, centro della stampa araba. In Egitto, venne fondata la prima biblioteca nazionale del mondo arabo grazie ad 'Ali Mubarak e agli inizi del XX secolo nascevano le prime università moderne a Istanbul.

Livello sociale

Alla ribalta in primo luogo il mondo femminile e il ruolo della donna. Vennero fondati i primi movimenti femministi egiziani e pubblicate alcune riviste con lo scopo di dare maggior attenzione sul piano sociale alle donne.

Livello politico

Concetti importanti erano quelli di nazione-patria e di libertà. Senso di patria, usato dalla stampa ottomana, è legato all'idea di patriottismo che si incontra tra i teorici del panarabismo o nazionalismo arabo (Siria luogo in cui nacque il nazionalismo arabo). La questione della libertà riguarda: la libertà individuale, bene da salvaguardare e promuovere; libertà religiosa, in cui le religioni sono i veicoli necessari per coltivare principi etici e morali.

Livello filosofico e culturale

Necessita di separare la religione dalla scienza, secolarismo. Si imputava all'Islam di confondere la fede con la politica e quindi bisognava affermare nel mondo arabo: scienza giustizia e libertà.

La nahda era un vasto movimento di grande vivacità spirituale che modernizzò non solo il pensiero arabo, ma anche le società arabe e islamiche gettando le basi culturali delle attuali società mediorientali.