Martin Stone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Martin Harris)
Martin Stone
Martin Stone nel maggio 2010
Martin Stone nel maggio 2010
Nome Martin Harris
Ring name Danny Burch
Joe Riot
Martin Stone
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Nascita Surrey
31 dicembre 1981
Altezza 183 cm
Peso 86 kg
Allenatore Dropkixx
Debutto 2003
Federazione WWE - NXT
Progetto Wrestling

Martin Harris (Surrey, 31 dicembre 1981) è un wrestler britannico sotto contratto con la WWE, dove lotta nel territorio di sviluppo di NXT con il ring name di Danny Burch.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Circuito indipendente europeo (2003–2012)[modifica | modifica wikitesto]

WWE[modifica | modifica wikitesto]

NXT (2011–2014)[modifica | modifica wikitesto]

Nel tardo 2011, Harris ha firmato con la WWE ed è stato mandato nel territorio di sviluppo di NXT nel giugno del 2012. Gli è stato assegnato il ringname Danny Burch e ha fatto il suo debutto nella puntata di NXT del 15 maggio 2013 venendo sconfitto da Bray Wyatt. Da quel momento Burch ha iniziato ad apparire sporadicamente fino al suo rilascio, avvenuto il 30 aprile 2014.

Total Nonstop Action Wrestling (2014–2015)[modifica | modifica wikitesto]

Ritorno in WWE[modifica | modifica wikitesto]

NXT (2015–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 luglio 2015, nonostante non avesse firmato con la WWE, Stone è apparso in una puntata di NXT venendo sconfitto da Kevin Owens. Nella puntata di NXT del 13 agosto Stone è apparso nuovamente venendo sconfitto da Apollo Crews. Nella puntata di NXT del 16 settembre Stone ha riadottato il ringname Danny Burch ed è stato sconfitto da Tye Dillinger. Nella puntata di NXT del 21 ottobre Burch è stato sconfitto da James Storm. Nella puntata di NXT del 13 gennaio 2016 Burch è stato sconfitto da Tommaso Ciampa. Nella puntata di NXT del 18 maggio Burch e Rob Ryzin sono stati sconfitti da Johnny Gargano e Tommaso Ciampa. Il 14 settembre, durante la finale del Cruiserweight Classic, Burch e Sean Maluta sono stati sconfitti dai Bollywood Boyz (Gurv Sihra e Harv Sihra). Il 6 gennaio 2017 è stato annunciato che Burch avrebbe preso parte ad un torneo per l'assegnazione del WWE United Kingdom Championship; Burch è stato però eliminato al primo turno da Jordan Devlin. Nella puntata di NXT del 19 aprile Burch è stato sconfitto da Andrade Almas. Nella puntata di NXT del 19 luglio Burch è stato sconfitto da Oney Lorcan. Nella puntata di NXT del 9 agosto Burch ha sconfitto Lorcan. Nella puntata di NXT dell'11 ottobre Burch è stato sconfitto da Lars Sullivan.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Manager[modifica | modifica wikitesto]

  • Dean Ayass

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • "The Enforcer"
  • "The Guv'nor"

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • "Song 2" dei Blur (RevPro)
  • "London Boys" di Richard Myhill (NXT; 2017–presente)

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Atlanta Wrestling Entertainment
    • GWC Championship (1, attuale)
  • Best of British Wrestling
    • BOBW Heavyweight Championship (1)
  • German Stampede Wrestling
    • GSW Tag Team Championship (1) – con Matt Vaughn
  • International Pro Wrestling: United Kingdom
    • IPW:UK Championship (3)
  • LDN Wrestling
    • LDN Championship (2)
  • NWA Florida Underground Wrestling
    • NWA FUW Flash Championship (1, attuale)
  • Platinum Pro Wrestling
    • PPW Platinumweight Championship (1, attuale)
  • Premier Promotions
    • Worthing Trophy (2008)
  • Pro Wrestling 101
    • PW101 Championship (1)
  • Real Quality Wrestling
    • RQW Heavyweight Championship (1)
  • Revolution Pro Wrestling
    • RPW Undisputed British Tag Team Championship (1) – con Joel Redman
  • Rock and Metal Wrestling Action
    • RAMWA Heavyweight Championship (1)
  • United States Wrestling Alliance (Jacksonville, FL)
    • Wrestle Bowl (2016)
  • The Wrestling League
    • Wrestling League World Championship (1)
  • World Xtreme Wrestling
    • WXW Tag Team Championship (1) – con Jody Kristofferson

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Martin Stone, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling (OWW). Modifica su Wikidata
  • (DEEN) Martin Stone, su cagematch.net, Philip Kreikenbohm. Modifica su Wikidata