Maria Anna Giuseppina d'Asburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Anna Giuseppina d'Austria
Anonym Erzherzogin Maria Anna Josepha.jpg
Principessa Elettorale del Palatinato
Altri titoli Arciduchessa d'Austria
Nascita Ratisbona, Germania, 30 dicembre 1654
Morte Vienna, Austria, 14 aprile 1689
Luogo di sepoltura Cripta Imperiale, Vienna, Austria
Casa reale Asburgo
Padre Ferdinando III, Sacro Romano Imperatore
Madre Eleonora Gonzaga

Maria Anna Giuseppina d'Asburgo, arciduchessa d'Austria (Ratisbona, 20 dicembre 1654Vienna, 14 aprile 1689), era figlia dell'Imperatore Ferdinando III e della sua terza moglie Eleonora Gonzaga-Nevers.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maria Anna Giuseppina era una sorellastra dell'Imperatore Leopoldo I, che era sposato dal 1676 ad Eleonora Maddalena del Palatinato-Neuburg. Tale matrimonio aveva reso ancor più stringente il desiderio di aumentare le connessioni dinastiche tra la Casa del Palatinato-Neuburg e la famiglia imperiale. Per questo, l'Arciduchessa sposò il 25 ottobre 1678 a Wiener Neustadt, il principe elettore Giovanni Guglielmo del Palatinato-Neuburg; (1658-1716), fratello dell'imperatrice Eleonora. A causa del matrimonio con la figlia dell'Imperatore, Giovanni Guglielmo ottenne nel 1679 il titolo di Duca di Jülich e Berg, per parificarlo ad un sovrano regnante. Il matrimonio fu celebrato dall'Arcivescovo Leopold Karl von Kollonitsch, e per commemorare l'avvenimento, la cognata Eleonora fece erigere una colonna mariana sulla piazza principale di Wiener Neustadt. Dopo il matrimonio con la arciduchessa Giovanni Gugllielmo iniziò a tenere a Dusseldorf una corte costosa. Da queste nozze nacquero, nel 1683 e 1686, due figli maschi, rimasti senza nome, che vissero entrambi un solo giorno. Maria Anna morì all'età di 34 anni, durante una visita alla corte imperiale di Vienna, vittima della tubercolosi e fu sepolto nella Cripta dei Cappuccini di Vienna.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Constantin Wurzbach, Biographisches Lexikon des Kaisertums Österreich, Vienna, 1861, Vol. VII, p. 29 (versione online)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN20503018 · GND: (DE120100096