Ferdinando IV del Sacro Romano Impero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ferdinando IV d'Asburgo
Frans Luyckx - Ferdinand IV, King of the Romans (2).jpg
Ritratto di Ferdinando IV, opera di Frans Luykx
(Museo del Prado)
Re dei Romani
(Erede al trono designato del Sacro Romano Impero)
Stemma
In carica 31 maggio 1653 –
9 luglio 1654
Predecessore Ferdinando III
Successore Leopoldo I
Re d'Ungheria
associato al trono da Ferdinando III d'Asburgo
In carica 1646 –
9 luglio 1654
Predecessore Ferdinando III d'Asburgo
Successore Leopoldo I d'Asburgo
Re di Boemia
associato al trono da Ferdinando III d'Asburgo
In carica 1647 –
9 luglio 1654
Predecessore Ferdinando III d'Asburgo
Successore Leopoldo I d'Asburgo
Nome completo Ferdinand Franz
Nascita Vienna, 8 settembre 1633
Morte Vienna, 9 luglio 1654
Casa reale Casa d'Asburgo
Dinastia Asburgo d'Austria
Padre Ferdinando III d'Asburgo
Madre Maria Anna di Spagna
Religione Cattolicesimo

Ferdinando IV d'Asburgo (Vienna, 8 settembre 1633Vienna, 9 luglio 1654) è stato re dei Romani dal 1653 alla morte, nonché re di Ungheria dal 1646 e di Boemia dal 1647.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ferdinando era il maggiore dei figli dell'imperatore Ferdinando III e della sua prima moglie, Maria Anna di Spagna. Fu designato a succedere al padre già dal 1652 quando egli seguì il consiglio di molti principi ecclesiastici. Il 31 maggio 1653 Ferdinando d'Asburgo venne eletto Re dei Romani ed incoronato il 18 giugno dello stesso anno a Ratisbona per mano del principe-arcivescovo di Magonza Johann Philipp von Schönborn.

Il padre, Ferdinando III, era ancora in vita e come tale conservava il titolo di Imperatore per sé, riservando al figlio solo il governo di una parte dei propri domini personali.

Il suo regno ebbe vita breve in quanto morì di vaiolo l'anno successivo; gli successe il fratello minore Leopoldo.

Fervente devoto della Madonna di Loreto, Ferdinando pretese con ordinanza testamentaria che il proprio cuore venisse sepolto alla sua morte nella Loretokapelle nella Augustinerkirche della propria residenza. Questo fatto singolare, divenne in seguito una vera e propria abitudine e tutti i successivi imperatori asburgici seguirono questa procedura.

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Sacro Romano Impero (1519-1740)
Casa d'Asburgo
Max I wapp.svg

Carlo V (1519-1556)
Figli
Ferdinando I (1556-1564)
Massimiliano II (1564-1576)
Figli
Rodolfo II (1576-1612)
Mattia (1612-1619)
Ferdinando II (1619-1637)
Figli
Ferdinando III (1637-1657)
Figli
Ferdinando IV (1653-1654)
Leopoldo I (1658-1705)
Figli
Giuseppe I (1705-1711)
Carlo VI (1711-1740)
Maria Teresa (1745-1780)
come consorte di Francesco I (1745-1765)
Modifica
Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Carlo II d'Austria Ferdinando I d'Asburgo  
 
Anna Jagellone  
Ferdinando II d'Asburgo  
Maria Anna di Wittelsbach Alberto V di Baviera  
 
Anna d'Asburgo  
Ferdinando III d'Asburgo  
Guglielmo V di Baviera Francesco I di Lorena  
 
Cristina di Danimarca  
Maria Anna di Baviera  
Renata di Lorena Alberto V di Baviera  
 
Anna d'Asburgo  
Ferdinando IV d'Asburgo  
Filippo II di Spagna Alberto V di Baviera  
 
Anna d'Asburgo  
Filippo III di Spagna  
Anna d'Asburgo Carlo V d'Asburgo  
 
Isabella d'Aviz  
Maria Anna d'Asburgo  
Carlo II d'Austria Massimiliano II d'Asburgo  
 
Maria di Spagna  
Margherita d'Austria-Stiria  
Maria Anna di Wittelsbach Ferdinando I d'Asburgo  
 
Anna Jagellone  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re dei Romani Successore
Ferdinando III 16531654 Giuseppe I (nel 1690)
Predecessore Re di Ungheria, Croazia e Slavonia Successore
Ferdinando III 16461654 Leopoldo I
Predecessore Re di Boemia Successore
Ferdinando III 16471654 Leopoldo I
Predecessore Duca di Teschen Successore
Elisabetta Lucrezia Piast 16531654 Ferdinando III
Controllo di autoritàVIAF (EN267517272 · ISNI (EN0000 0001 2212 3886 · SBN IT\ICCU\MILV\184238 · LCCN (ENno2015112264 · GND (DE118880349 · CERL cnp00401692 · WorldCat Identities (ENlccn-no2015112264