Ma se ghe penso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ma se ghe pensu
Artista
Autore/iMario Cappello, Attilio Margutti
GenereFolk
Esecuzioni notevoliGino Paoli, Mina, Bruno Lauzi, Natalino Otto, I Trilli, Gilberto Govi, Ricchi e Poveri, Antonella Ruggiero, Björn Casapietra, Massimo Ranieri
Data1925

Ma se ghe pensu (Ma se ci penso in italiano) è una storica canzone in lingua genovese. Scritta nel 1925, è divenuta d'uso tradizionale e simbolo della cultura musicale ligure.

È stata eseguita da diversi artisti fra i quali: Gino Paoli, Mina nel 1967 e Gilberto Govi. Nel 1981 è stata riprodotta in parodia da parte di Beppe Grillo[1]. Nel 2007 è stata incisa anche da Antonella Ruggiero, che già l'aveva cantata a Genova il 26 luglio 2004, in occasione della manifestazione canora Just Like a Woman, registrata nell'album Stralunato Recital Live. Durante la serata finale del Festival di Sanremo 2011 la canzone è stata eseguita sul palco del Teatro Ariston dal trio Massimo Ranieri, Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu. Nel 2017 la cantante Francess ha fatto una versione in inglese col titolo " if I think home"

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La canzone fu lanciata in un primo momento con il titolo Se ghe penso, senza la congiunzione iniziale "ma", aggiunta in un secondo momento.

La paternità della canzone è attribuibile a Mario Cappello, tanto per i versi, quanto per la musica, mentre Attilio Margutti collaborò alla stesura musicale.[senza fonte]

L'anno di nascita del brano è il 1925. La prima interpretazione del brano fu quella del soprano Luisa Rondolotti, che lo cantò al Teatro Orfeo, sala genovese successivamente trasformata in cinematografo.

Erano gli anni in cui nasceva la canzone dialettale genovese, derivata degli antichi trallallero e che sarebbe poi sfociata nella scuola dei cantautori genovesi, passando prima attraverso lo swing dell'immediato dopoguerra di Natalino Otto e il gruppo degli urlatori anni sessanta di cui faceva parte il cantante con il saltino: Joe Sentieri[senza fonte].

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

La canzone narra la storia di un genovese emigrato in America Latina in cerca di fortuna, evento socialmente molto comune tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900: egli, ritrovatosi a pensare alla bellezza della sua città natale, sopraffatto dalla nostalgia, decide di farvi ritorno, contro il volere del figlio, ormai ambientatosi.

La canzone si apre con il riferimento alla povertà del protagonista, che è partito per le Americhe senza un soldo (sensa ûn-a palanca) e torna trent'anni dopo a Genova pur di rivedere la sua terra (E sensa tante cöse o l'è partïo, senza tanti indugi è partito), disinteressandosi del fatto che il figlio preferisca rimanere nel nuovo continente: lui partirà in un viaggio a ritroso (nel tempo e nello spazio) per formare di nuovo il suo nido a Genova.

Questa canzone è simbolo dell'attaccamento dei genovesi verso la propria città e contrasta lo stereotipo della loro avarizia, riconoscendogli valori più alti di quelli materiali: ad un iniziale desiderio di una condizione migliore (Aveva lottato per risparmiare e farsi la palazzina e il giardinetto), pian piano subentra la nostalgia che lo vince.

Il testo originale in genovese[modifica | modifica wikitesto]

O l'êa partîo sénsa 'na palanca,
l'êa za trent'anni, fòrse anche ciù.
O l'àia lotòu pe métte i dinæ a-a bànca
e poéisene un giórno vegnî in zu.
E fâse a palassinn-a e o giardinétto,
co-o ranpicante, co-a cantinn-a e o vin,
a branda attacâ a-i èrboi, a ûso letto,
pe dâghe 'na schenâ seja e matìn.
Ma o figgio o ghe dixeiva: "No ghe pensâ
a Zena cöse ti ghe vêu tornâ?!"
Ma se ghe penso alôa mi veddo o mâ,
véddo i mæ mónti e a ciàssa da Nonçiâ,
rivéddo o Righi e me s'astrenze o cheu,
véddo a Lanterna, a Cava, lazù o Meu...
Rivéddo a-a seja Zêna ilûminâ,
véddo la-a Fôxe e sento franze o mâ
e alôa mi pénso ancón de ritornâ
a pösâ e òsse dôve ò mæ madonâ.
O l'êa passòu do ténpo, fòrse tròppo,
o figgio o l'inscisteiva: "Stémmo ben,
dôve t'êu andâ, papà?.. pensiêmo dòppo,
o viâgio, o mâ, t'ê vêgio, no convén!"
"Òh no, òh no! mi me sento ancón in ganba,
son stùffo e no ne pòsso pròpio ciù,
son stanco de sentî señor, caramba,
mi vêuggio ritornâmene ancón in zû...
Ti t'ê nasciûo e t'æ parlòu spagnòllo,
mi son nasciûo zeneize e... no me mòllo!"
Ma se ghe penso alôa mi véddo o mâ,
véddo i mæ mónti e a ciàssa da Nonçiâ,
rivéddo o Righi e me s'astrenze o cheu,
véddo a Lanterna, a Cava, lazù o Meu...
Rivéddo a-a seja Zêna iluminâ,
véddo la-a Fôxe e sénto franze o mâ
e alôa mi pénso ancón de ritornâ
a pösâ e òsse dôve ò mæ madonâ.
E sénsa tante cöse o l'é partîo
e a Zêna o gh'à formòu tórna o seu nîo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Genova Portale Genova: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Genova