Maître Gims

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maître Gims Bilel
Fotografia di Maître Gims Bilel
Nazionalità RD del Congo RD del Congo
Genere Hip hop francese[1]
Pop rap[1]
Periodo di attività 2002 – in attività
Etichetta Wati B
Album pubblicati 2
Studio 2
Gruppi e artisti correlati Dry, Sexion d'Assaut
Sito web

Maître Gims, nome d'arte di Gandhi Djuna (Kinshasa, 6 maggio 1986), è un rapper e cantante della Repubblica Democratica del Congo, componente del gruppo Sexion d'Assaut e attivo principalmente in Francia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Kinshasa, capitale della Repubblica Democratica del Congo, è arrivato in Francia quando aveva due anni, da clandestino.[2][3] Proviene da una famiglia di musicisti, suo padre era il leader del gruppo Papa Wemba. Il rapper ha citato come proprie influenze artisti del calibro di: Snoop Dogg, Nate Dogg, Tupac Shakur, Eminem, 50 Cent, Marvin Gaye e Michael Jackson. Con il collettivo Sexion d'Assaut, di cui fa parte fin dalla fondazione, ha pubblicato vari album ottenendo numerosi successi e duetti di fama internazionale.

Nel maggio 2013 ha pubblicato l'album di debutto da solista Subliminal, vendendo oltre un milione di copie; nello stesso periodo ha lanciato la sua prima linea d'abbigliamento Vortex e la etichetta discografica indipendente MMC (Monstre Marin Corporation). Nel 2015 ha pubblicato il secondo album Mon cœur avait raison, promosso dal singolo Est-ce que tu m'aimes ?, quest'ultimo certificato disco di platino in Italia; lo stesso rapper ha ricevuto tale riconoscimento al Festival di Sanremo il 9 febbraio 2016 dopo essersi esibito con quella canzone.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Maître Gims proviene da una famiglia cristiana, ma nel 2004 si è convertito all'Islam[4] aggiungendo il nome "Bilel" al suo. Si è sposato molto giovane ed è padre di cinque bambini.

Non ha ancora ottenuto la cittadinanza francese[2].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Maître Gims, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  2. ^ a b (FR) Maître Gims: "Je ne suis toujours pas français"
  3. ^ Biografia Maitre Gims, maitregims.com.
  4. ^ (FR) Maître Gims: rap, et tout, next.liberation.fr. URL consultato il 18 gennaio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]