Los Lobos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Los Lobos
Los Lobos at the White House.jpg
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereRock latino
Country
Folk
Rhythm and blues
Blues
Periodo di attività musicale1973 – in attività
Album pubblicati23
Studio15
Live2
Raccolte6
Sito ufficiale

Los Lobos sono un gruppo musicale chicano statunitense di musica rock, fortemente influenzati da country, folk, R&B e Blues formatosi a Los Angeles nel 1973. Sono soprattutto conosciuti per il rifacimento de La Bamba, colonna sonora dell'omonimo film, interpretata dallo scomparso cantante Ritchie Valens, a cui il film è dedicato.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondati nel 1974, Los Lobos esordirono con due album acustici autoprodotti (Just Another Band From East L.A. e Si se puede!) e due 45 giri prima di realizzare ...And a Time to Dance (1983), apprezzato mini LP prodotto da T-Bone Burnett e Steve Berlin che fonde musica tradizionale messicana e nortena, zydeco, country, R&B e rock 'n' roll.[2] Dopo aver ottenuto altri consensi positivi con How Will the Wolf Survive? (1984), album premiato con un Grammy Award,[2] Los Lobos pubblicarono il singolo La Bamba, brano cardine dell'omonimo film che contribuì a renderli famosi in tutto il mondo. Nello stesso periodo parteciparono a due brani di Paul Simon (All Around the World da Graceland) e di John Lee Hooker (Think twice before you go da The Healer).[2] Il successo critico di Los Lobos proseguì nei seguenti The Neighborhood (1990) e Kiko (1992), che si avvalgono entrambi della collaborazione di Mitchell Froom.[3] Il seguente Just Another Greeting From East L.A. : A Holiday Collection (1993) raccoglie perlopiù materiale tratto da un concerto per raccogliere fondi in seguito ai disordini razziali di Los Angeles del 1992 mentre Papa's Dream (1995) è un album per bambini e collaborazione con il poeta e cantante Lalo Guerrero.[3] Intanto David Hidalgo e Louie Pérez avviarono il progetto parallelo sperimentale dei Latin Playboys. Gli album successivi, ovvero Colossal Head (1996) e This Time (1999) proseguono gli sperimentalismi della band.[3] Apparvero anche in un episodio del cartone animato Mucha Lucha!. Proprio di questo gruppo è la sigla della serie televisiva della Disney Manny tuttofare.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessandro Bolli, 1998.
  2. ^ a b c Cesare Rizzi, Enciclopedia Rock anni '80 (quarto volume), Arcana, 2002, "Los Lobos".
  3. ^ a b c Cesare Rizzi, Enciclopedia Rock anni '90 (quinto volume), Arcana, 2002, "Los Lobos".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN153348417 · ISNI (EN0000 0001 2369 5309 · LCCN (ENn91017885 · GND (DE10284896-8 · BNE (ESXX216189 (data) · BNF (FRcb13904657q (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n91017885
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica