Lorenzo Sanz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lorenzo Sanz (Madrid, 9 settembre 1943) è un imprenditore spagnolo, ex presidente del Real Madrid ed ex proprietario del Málaga.

Ascese al timone del Real Madrid il 26 novembre 1995 dopo le dimissioni di Ramón Mendoza, costretto a lasciare a causa dei problemi economici e sportivi del club della capitale. Con gli acquisti di Davor Šuker e Predrag Mijatović il Real fu in grado di vincere il campionato spagnolo nel 1997, sotto la guida dell'allenatore italiano Fabio Capello. A questo trofeo seguirono la Champions League, conquistata nel 1998 dopo trentadue anni e nel 2000. Nel 1998 la squadra di Sanz aveva vinto anche la Coppa Intercontinentale. Nel 2000, alcune settimane dopo la vittoria in Champions League, Sanz perse le elezioni che lo vedevano opposto a Florentino Pérez.

Il suo nome è tornato alla ribalta in seguito alla trattativa per l'acquisto del Parma nel 2005. La trattativa in seguito fallì e l'immobiliarista perse i 7,5 milioni di euro già versati a titolo di caparra.

Sanz entrò poi in trattativa con la famiglia Matarrese per l'acquisto dell'Bari. Entro la prima settimana di giugno 2008 avrebbe presentato un'offerta concreta sulla base dei documenti contabili ricevuti in data 23 maggio 2008. Il 5 giugno 2008 la dirigenza del Bari ha diramato questo comunicato, segnalando

« la rinuncia del sig. Lorenzo Sanz alla trattativa per l'acquisto del pacchetto azionario a seguito della mancata presentazione della proposta di acquisto entro il termine assegnato del 3 giugno e del disinteresse dallo stesso dimostrato, non confermando l'incontro previsto per domani venerdì 6 giugno. »

Nel giugno del 2010 cede l'intero pacchetto azionario del Málaga per €36 milioni allo sceicco Abdullah Al Thani che ne diventa ufficialmente patron il 1º gennaio 2011[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]