London Evening Standard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Evening Standard logo.png
StatoRegno Unito Regno Unito
Linguainglese
Periodicitàquotidiano
Generestampa locale
FormatoCompact
Fondazione1827
SedeNorthcliffe House, Derry Street, Kensington, Londra
EditoreAlexander Lebedev, Evgeny Lebedev (74.1%), Daily Mail and General Trust (24.9%)[1]
Diffusione cartacea695645[2] (2013)
DirettoreSarah Sands
ISSN2041-4404 (WC · ACNP)
Sito web
 
Ragazze mentre distribuiscono copie gratuite dell'Evening Standard

Il London Evening Standard (Evening Standard fino al 2009), è un quotidiano locale londinese diffuso gratuitamente nella capitale. Attualmente è il quarto quotidiano britannico per diffusione, dopo il Sun, il Daily Mail e il Daily Mirror[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo Standard venne fondato a Londra il 21 maggio del 1827 da Stanley Lees Giffard. Diventato un quotidiano nel 1857, l'Evening Standard (così venne ribattezzato) da quasi due secoli è il quotidiano simbolo dell'area londinese, ed è ormai considerato parte della cultura cittadina. Pur essendo un quotidiano locale, da sempre dà grande spazio alle notizie di carattere nazionale e internazionale, ed è considerato un punto di riferimento per quanto riguarda gli approfondimenti di arte e cultura.

Il quotidiano è andato incontro nel 2009, dopo l'acquisto da parte dell'uomo d'affari russo Alexander Lebedev (proprietario anche dell'Independent e azionista della Novaja Gazeta), ad alcune modifiche che lo hanno rivoluzionato. A partire dal titolo, rinominato London Evening Standard. Il cambiamento più notevole è stato tuttavia il passaggio alla free press, che ha incrementato notevolmente il numero di copie vendute. A lungo vicino al Partito Laburista e a Tony Blair, in occasione delle elezioni parlamentari del 2010 si è schierato a fianco di David Cameron e del Partito Conservatore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]