Liceo classico Massimo d'Azeglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Liceo classico Massimo D'Azeglio)
Jump to navigation Jump to search
L.C.S. Massimo d'Azeglio
SoprannomeD'aze
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàTorino
Indirizzovia Parini 8
Organizzazione
TipoStatale
OrdinamentoLiceo classico
Fondazione1831
PresideChiara Alpestre
Mappa di localizzazione
Sito web

Coordinate: 45°03′52.92″N 7°40′31.8″E / 45.0647°N 7.6755°E45.0647; 7.6755

Biblioteca Leone Ginzburg, liceo classico D'Azeglio

Il liceo classico Massimo d'Azeglio è un liceo classico di Torino, la cui sede si trova in via Parini 8 nei pressi della stazione di Torino Porta Nuova.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Venne istituito come Collegio di Porta Nuova nel 1831[1] in un edificio situato nell'odierna Piazza Maria Teresa con l'obiettivo di ridurre il numero eccessivo di studenti del Collegio di S. Francesco da Paola (che in seguito diventerà il liceo Gioberti)[2]. Nel 1852 il collegio venne traslocato presso la Chiesa della Madonna degli Angeli e infine nel 1857 venne trasferito nell'edificio dove si trova tuttora, in via Parini all'angolo con via San Quintino, acquisendo il nome dapprima di Collegio municipale Monviso e poi dal 1860 di Reale ginnasio Monviso. L'istituto venne intitolato a Massimo Taparelli marchese d'Azeglio nel 1882[2].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La casa editrice Einaudi venne fondata nel 1933 da un gruppo di amici, allievi del liceo classico D'Azeglio.

La scuola è inoltre storicamente legata allo Sport-Club Juventus[3], fondato nel 1897 da un gruppo di studenti che frequentavano il ginnasio. Al momento della fondazione i ragazzi scelsero come divisa ufficiale la casacca rosa che indossavano durante le ore di educazione fisica, correlata a una cravatta nera.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carla Casalegno, Pier Giorgio Frassati, Effatà, 2005, pp. 34.
  2. ^ a b Liceo classico Massimo D'Azeglio, Comune di Torino. URL consultato il 17 gennaio 2018.
  3. ^ Darwin Pastorin, Tempi supplementari: partite vinte, partite perse, Feltrinelli, 2002, pp. 45.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]