Lepanto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Lepanto (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando le battaglie combattute presso questa località, vedi Battaglia di Lepanto (disambigua).
Lepanto
frazione
Ναύπακτος - Nàfpaktos - Naúpaktos
Lepanto – Stemma Lepanto – Bandiera
Lepanto – Veduta
Localizzazione
StatoGrecia Grecia
PeriferiaGrecia Occidentale
Unità perifericaEtolia-Acarnania
ComuneNafpaktia
Amministrazione
Amministratore localeYannis Boules
Territorio
Coordinate38°23′30″N 21°49′39″E / 38.391667°N 21.8275°E38.391667; 21.8275 (Lepanto)Coordinate: 38°23′30″N 21°49′39″E / 38.391667°N 21.8275°E38.391667; 21.8275 (Lepanto)
Altitudine0/3 m s.l.m.
Superficie159,9 km²
Abitanti19 768 (2011)
Densità123,63 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale30 300
Prefisso26340
Fuso orarioUTC+2
TargaMEB MEA MEZ
Nome abitantilepantini
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Lepanto
Lepanto
Sito istituzionale

Lèpanto (in greco Ναύπακτος, Nàfpaktos, Naúpaktos) è una frazione del comune greco di Nafpaktia, nell'unità periferica dell'Etolia-Acarnania[1].

Fu teatro dell'omonima battaglia navale del XVI secolo tra la flotta ottomana e la Lega Santa. Il nome della località deriva dal greco antico ναῦς (nàüs = «nave») e πήγνυμι (pégnümi = «costruisco»), che richiama una leggenda secondo la quale nel 1104 a.e.v. alcune tribù elleniche avrebbero costruito delle navi per passare sulla sponda opposta del golfo di Corinto.

Comune autonomo fino a tutto il 2010, fu soppresso a gennaio 2011 in attuazione del piano di riforma e razionalizzazione amministrativa nel Paese noto come Programma Callicrate[2]. Al momento della sua soppressione come comune, il più recente rilevamento demografico della popolazione di Lepanto (2001) registrava 18 231 abitanti[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A seguito delle guerre persiane, Atene se ne impossessò stabilendovi tra il 456 e il 455 a.e.v. gli esiliati della terza guerra messenica. Durante la guerra del Peloponneso (431-404) funse da base navale ateniese prima di essere ripresa dagli spartani. In seguito, sotto Filippo II di Macedonia, Lepanto fece parte dell'Etolia e poi, sotto i Romani, della Locride. Nel 553 e.v. fu gravemente danneggiata da un terremoto.

Nel IX secolo la città fu la capitale del thema di Nicopoli e sede di un metropolita ecclesiastico. La città passò poi alla Repubblica di Venezia, che la munì di possenti fortificazioni, che le permisero di resistere nel 1477 a un esercito ottomano di 30 000 uomini. Nel 1499 tuttavia le truppe di Bayezid II riuscirono a prendere la città. Nelle acque di Lepanto si svolse nel 1571 la celebre battaglia tra le flotte ottomana e veneziana, ma la città rimase ancora agli ottomani per più di secoli salvo una breve parentesi veneziana (1687-1701) ai tempi della guerra di Morea. Ancora, nella primavera del 1603 fu brevemente in mano ai cavalieri di Malta (Presa di Lepanto), ma fu solo nel 1829 che fu definitivamente tolta alla sovranità ottomana per passare alla Grecia da poco indipendente.

Il castello di Lepanto[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Lepanto, di cui il porto fa parte, venne costruito dai greci antichi e poi ampliato e ammodernato dai Veneziani e Fiorentini. Oggi è l'unico in Europa con cinque zone di difesa. Il porto ospita le feste di Pasqua e le commemorazioni della battaglia.

Lepanto oggi[modifica | modifica wikitesto]

Oggi la città è un importante centro turistico greco. Rimane il centro dell'economia per la parte occidentale della regione di Akarnania-Etolia, ed ha forti connessioni economiche con Patrasso. Nel 2005 vi si sono stabilite due sedi dell'università tecnica di Missolungi.

Località di Lepanto[modifica | modifica wikitesto]

  • Afroxylia
    • Ano Afroxylia
    • Kato Afroxylia
  • Dafni
    • Kato Dafni
  • Lygia
  • Mamoulada
    • Kato Mamoulada
  • Nafpaktos
  • Neokastro
  • Paliampela
  • Palaiochoraki
    • Mikro Palaiochoraki
  • Pitsineika o Pitsinaiika
  • Kastraki
  • Sykia
  • Rigani
  • Diasello
  • Poros
  • Skala
  • Velvina
  • Vlachomandra
  • Gefyra Bania
  • Sfikeika o Sfikaaika
  • Vomvokos
  • Agios Vasileios
  • Lefka Vomvolous
  • Marmara
  • Xiropigadio

Luoghi d'interesse nei dintorni[modifica | modifica wikitesto]

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Anno Popolazione Cambiamento Popolazione Comunale
1981 9,012 - -
1991 10,854 +1,842 pr +20.44% 15,045
2001 12,924 (il capoluogo)
18,231 (l'intero comune)
+7,377 o +40.46% -

Comunicazioni principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Lepanto RTV su sky e hd
  • Nafpaktos TV White chicks

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EL) Censimento 2001 in Grecia (XLS), su ypes.gr, Ministero dell'Interno della Repubblica Greca. URL consultato il 2 maggio 2011 (archiviato il 12 giugno 2011).
  2. ^ (EL) Programma Callicrate (PDF), su ypes.gr, Ministero dell'Interno della Repubblica Greca. URL consultato il 2 maggio 2011 (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2011).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN237695965 · GND (DE4041125-4
Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grecia