Leonardo Spreafico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Leonardo Spreafico (Monza, 5 novembre 1907Milano, 15 dicembre 1974) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1926 inizia la sua formazione artistica all'istituto ISIA, da poco istituito nella sua città natale, frequentandolo fino al 1933. Apre uno studio di pittura a Milano, in corso Garibaldi, e si dedica anche all'insegnamento. Frequenta gli ambienti artistici che in quegli anni si pongono in antitesi al Novecento.

Nel 1934 frequenta l'Accademia di Brera diplomandosi l'anno successivo. Soggiorna a Venezia dove, nel 1935, presenta un lavoro alla Biennale, che viene apprezzato da Carlo Carrà[nel 1935 non c'è stata la Biennale]. Nel 1936, grazie ad un suo lavoro premiato a New York, ha la possibilità di compiere un viaggio oltreoceano. Espone a Parigi e, nel 1939, alla Quadriennale di Roma. È richiamato alle armi nel 1943, in Calabria dove si ammala di malaria; risale la penisola italiana con le forze alleate e viene congedato nel 1945.

Espone all'Arengario di Monza nel 1946 presentando lavori che ormai esprimono il frutto della sua ricerca personale Prende parte alla Biennale di Venezia del 1948 e ad altre importanti manifestazioni, come il Premio del Golfo a La Spezia, il Premio Orvieto, il Premio Sanremo; nello stesso anno è per lungo tempo a Parigi. Seguono altri anni di partecipazione e di premiazioni in importanti premi d'arte. Nel 1951 lavora a Barcellona.

Dal 1953 al 1961 insegna alla Scuola superiore d’Arte Applicata del Castello Sforzesco a Milano. Tra i suoi collaboratori, nel 1958 assunse come assistente Ettore Bonfatti Sabbioni, artista incisore italiano. Partecipa alla Biennale di Milano nel 1959. Dal 1962 al 1970 insegna all'Istituto d'Arte Toschi di Parma. Nel frattempo partecipa ancora alla Biennale di Venezia ed espone in varie personali, in Italia e all'estero. Muore improvvisamente nel 1974 e viene sepolto a Cinisello Balsamo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN268540337 · GND: (DE1026532574