Legio XVI Gallica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Legio XVI Gallica
Descrizione generale
Attiva dal 49 a.C. al 70 d.C.;
derivata dalla legio XVI di Cesare[1]
Tipo legione di epoca repubblicana e poi imperiale.
Battaglie/guerre
Comandanti
Comandanti degni di nota Marco Emilio Lepido
Ottaviano
Druso maggiore
Tiberio
Simboli
Simbolo Leone[2][3]

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Legio XVI Gallica (proveniente dalla Gallia cisalpina) era una legione romana.[1]

La legione venne arruolata inizialmente da Gaio Giulio Cesare.[1][4] Dopo la morte del dittatore, prima passò sotto il comando del triumviro Marco Emilio Lepido e poi dal 36 a.C sotto quello di Ottaviano.[5]

Partecipò anche alla serie di guerre che si succedettero per la conquista della Germania Magna a partire da Druso maggiore a Germanico Giulio Cesare (12 a.C. - 16 d.C.).[6]

Venne congedata dopo la resa durante la rivolta dei Batavi (70). L'imperatore Vespasiano creò una nuova legione, la legio XVI Flavia Firma, il cui simbolo era un leone.[1][2][3] Dopo la Battaglia della foresta di Teutoburgo, fu posizionata a Mogontiacum.[1][7]

Intorno al 55 ne era legato Lucio Cornelio Pusione e centurione Marco Vibrio Marcello.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Gonzales 2003, p. 378.
  2. ^ a b Parker 1928, p. 262.
  3. ^ a b Ritterling, col. 1375.
  4. ^ Cesare, De Bello civili, I, 18 e 25.
  5. ^ AppianoGuerra civile, V, 123 e 127.
  6. ^ Velleio Patercolo, II, 109-112; Ritterling, col. 1761.
  7. ^ AE 1965, 256; Ritterling, col. 1761.
  8. ^ CIL VI, 31706 = CIL VI, 37056 = AE 1893, 71 = AE 1991, 80 = AE 1996, 98.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti antiche
Fonti storiografiche moderne
  • T.A.Dodge, Caesar, New York, 1989-1997.
  • J.R.Gonzalez, Historia del las legiones romanas, Madrid, 2003.
  • L.Keppie, The making of the roman army, Oklahoma, 1998.
  • H.Parker, Roman legions, Cambridge, 1928.
  • (DE) Lemma Wikisource in tedesco: E.Ritterling. In: Paulys Realencyclopädie der classischen Altertumswissenschaft (RE). vol. I-II, Stuttgart 1893 segg., Col. 1375–Legio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]