Legio III Cyrenaica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Legio II
Denarius Mark Anthony-32BC-legIII.jpg
Denario coniato sotto Marco Antonio per pagare le sue legioni. Sul rovescio è rappresentata l'aquila della sua III legione.[1]
Descrizione generale
Attiva39/36 a.C.-inizi V secolo
Tipolegione romana
CampiOriente romano
Battaglie/guerreCampagne partiche di Marco Antonio (36-33 a.C.) Guerra civile romana (44-31 a.C.)
Onori di battagliaCyrenaica
Comandanti
Degni di notaMarco Antonio
Ottaviano Augusto
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Legio III Cyrenaica («(levata in) Cirenaica») fu una legione romana, probabilmente arruolata da Marco Antonio nel 36 a.C. circa, quando era governatore della Cirenaica. Esistono testimonianze della presenza della legione in Siria sino agli inizi del V secolo. Il simbolo della legione è sconosciuto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima apparizione storica della legione avviene durante le campagne partiche di Marco Antonio del 36 a.C. Passò dopo la battaglia di Azio dalla parte del vincitore Ottaviano, ed in seguito, dopo l'occupazione romana dell'Egitto, ridotto a provincia romana dal 30 a.C., rimase nella regione almeno fino al I secolo. La III Cyrenaica rimase in Egitto e, nell'anno 35 si trovava ad Alessandria, dove condivideva l'accampamento con la XXII Deiotariana. L'obbiettivo principale di entrambe le legioni era quello di mantenere la provincia sicura e di assicurare pace ed ordine pubblico tra i diversi gruppi etnici e religiosi presenti ad Alessandria.

Nelle turbolente vicende interne all'Impero romano, la III Cyrenaica sostenne sempre candidati al trono destinati ad essere sconfitti, come Avidio Cassio, che contese il trono a Marco Aurelio nel 175.

La legione, o alcuni suoi distaccamenti, parteciparono alle seguenti campagne:

Dopo la ribellione di Zenobia tra il 267 ed il 272, la III Cyrenaica fu trasferita in un luogo poco chiaro. Agli inizi del V secolo la legione si trovava a Bostra (Siria).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Crawford 544/15; Sear, CRI 350; Sydenham 1217; BMCRR (East) 193; RSC 28.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]