Legio I Augusta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Legio I Augusta
Augustus Bevilacqua Glyptothek Munich 317.jpg
Busto di Augusto
Descrizione generale
Attivadal 30 a.C. al 19 a.C.;
forse "sciolta" definitivamente o forse "riformata"[1] ed identificabile con la I Germanica.
Tipolegione imperiale
Battaglie/guerreGuerre cantabriche (29-19 a.C.)
Comandanti
Degni di notaAugusto
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La legio I Augusta era un'unità militare romana di epoca imperiale, che sembra sia stata formata da Augusto dopo la battaglia di Azio del 31 a.C., sulla precedente legio I di Gaio Giulio Cesare.

Questa legione potrebbe, pertanto, essere identificabile con quella legione di Cesare formata nel 48 a.C., quando quest'ultimo fu nominato console. Sembra che soggiornò nei primi anni del principato in Hispania e che tra il 26 ed il 19 a.C. prese parte alle guerre cantabriche,[2] con base nei dintorni di Segisama. In seguito ad una sconfitta che le costò la perdita dell'aquila legionaria, potrebbe essere stata "sciolta" o solamente privata dell'appellativo di Augusta.[1][3] In questo secondo caso potrebbe essere identificabile con la legio I Germanica che prestò servizio, negli anni successivi al 19 a.C., sul Reno a fianco del futuro imperatore, Tiberio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dione, Storia romana, XLIV, 11.5.
  2. ^ H.M.D.Parker, The roman legions, p.86; R. Syme, Some notes on the legions under Augustus, pp.15-17; E.Ritterling, voce Legio, p.1223.
  3. ^ Svetonio, Augusto, 24.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • J.R.Gonzalez, Historia del las legiones romanas, Madrid 2003.
  • L.Keppie, The making of the roman army, Oklahoma 1998.
  • H.M.D.Parker, The roman legions, New York 1958.
  • E.Ritterling, voce Legio, in Realencyclopädie of Klassischen Altertumswissenschaft, Stuttgart 1924-1925.
  • R. Syme, Some notes on the legions under Augustus, XXIII (1933), in Journal of Roman Studies.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]