La parata dell'impossibile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La parata dell'impossibile
Titolo originaleWhere Do We Go from Here?
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1945
Durata74 min
Rapporto1.37 : 1
Generemusicale, fantastico
RegiaGregory Ratoff, George Seaton
SoggettoMorrie Ryskind, Sig Herzig
SceneggiaturaMorrie Ryskind
ProduttoreWilliam Perlberg
Casa di produzioneTwentieth Century Fox
Distribuzione (Italia)20th Century Fox (1956)
FotografiaLeon Shamroy
MontaggioJ. Watson Webb Jr.
Effetti specialiFred Sersen
MusicheDavid Raksin, David Buttolph
ScenografiaLeland Fuller, Lyle R. Wheeler
CostumiBonnie Cashin
TruccoBen Nye
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La parata dell'impossibile (Where Do We Go from Here?) è un film del 1945 diretto da Gregory Ratoff e, non accreditato, George Seaton.

È un musical statunitense a sfondo fantastico sul tema del genio della lampada e dei viaggi nel tempo. Vede come interpreti principali Fred MacMurray, Joan Leslie, Anthony Quinn e Gene Sheldon.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Bill Morgan scopre un'antica lampada di ottone e dopo averla strofinata compare il genio Alì. Bill chiede al genio tre desideri. Il primo è quello di far parte dell'esercito degli Stati Uniti e viene mandato indietro nel tempo durante la guerra d'indipendenza. In seguito diventa parte dell'equipaggio della nave di Cristoforo Colombo per il suo viaggio inaugurale verso il nuovo mondo. Alla fine si ritrova catapultato nel XVIII secolo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, diretto da Gregory Ratoff e, non accreditato, George Seaton su una sceneggiatura di Morrie Ryskind, con il soggetto dello stesso Ryskind e di Sig Herzig,[1] fu prodotto da William Perlberg per la Twentieth Century Fox[2] e girato nei 20th Century Fox Studios a Century City in California.[3] Il film doveva originariamente essere diretto da Walter Lang e doveva vedere Michael O'Shea nel ruolo di Bill Morgan e Stanley Prager nel ruolo di Ali.[4]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito con il titolo Where Do We Go from Here? negli Stati Uniti dal 23 maggio 1945[5] al cinema dalla Twentieth Century Fox.[2]

Altre distribuzioni:[5]

  • in Svezia il 13 maggio 1946 (Luft i luckan)
  • in Portogallo il 24 giugno 1946 (A Lâmpada Maravilhosa)
  • in Brasile (Fantasia de Amor)
  • in Italia (La parata dell'impossibile)

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Morandini il film è una "favola garbata, piena di colori nei costumi e nelle scene, arricchita di battute spiritose". Morandini segnala inoltre le canzoni di Gershwin e di Kurt Weill.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) La parata dell'impossibile - IMDb - Cast e crediti completi, su imdb.com. URL consultato il 5 aprile 2013.
  2. ^ a b (EN) La parata dell'impossibile - IMDb - Crediti per le compagnie, su imdb.com. URL consultato il 5 aprile 2013.
  3. ^ (EN) La parata dell'impossibile - IMDb - Luoghi delle riprese, su imdb.com. URL consultato il 5 aprile 2013.
  4. ^ (EN) La parata dell'impossibile - American Film Institute, su afi.com. URL consultato il 5 aprile 2013.
  5. ^ a b (EN) La parata dell'impossibile - IMDb - Date di uscita, su imdb.com. URL consultato il 5 aprile 2013.
  6. ^ La parata dell'impossibile - MYmovies, su mymovies.it. URL consultato il 5 aprile 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema