L'alba dei dragoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'alba dei dragoni
Titolo originale Dawn of the Dragons
Autore Joe Dever
1ª ed. originale 1992
1ª ed. italiana 1993
Genere romanzo
Sottogenere librogame fantasy
Lingua originale inglese
Ambientazione Sommerlund (Nord-Est del Magnamund)
Protagonisti Lupo Solitario
Antagonisti Dragoni
Altri personaggi Banedon ; Lord Rimoah
Serie Lupo Solitario (Serie Grande Maestro Ramas)
Preceduto da Il Signore di Ixia
Seguito da Il Destino del Lupo
« "Gr... Grande Maestro!... Siete tornato! Sia reso grazia agli dei! Le nostre preghiere sono state ascoltate" »
(Volpe del Bosco verso Lupo Solitario, paragrafo 346)

L'alba dei dragoni (titolo originale Dawn of the Dragon) è un librogame dello scrittore inglese Joe Dever, pubblicato nel 1992 a Londra dalla Red Fox Children's Books e tradotto in numerose lingue del mondo. È il diciottesimo dei ventotto volumi pubblicati finora della saga Lupo Solitario. La prima edizione italiana, del 1993, fu a cura delle Edizioni EL.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver ucciso Il Signore di Ixia e provocato la distruzione della sua città Xaagon, Lupo Solitario si trova a Vadera la capitale del regno di Lencia. Qui re Sarnac lo informa di un grave pericolo che incombe sui monaci Ramas: Naar ha inviato i Lavas (dragoni provenienti da un'altra dimensione) per distruggere il Monastero ed annientare il nuovo ordine dei Ramas. Lupo Solitario deve affrontare un viaggio di più di duemila miglia, irto di pericoli, attraverso tutto il Magnamund settentrionale, per giungere a casa e salvare i confratelli prima della distruzione del Monastero.

Edizione[modifica | modifica wikitesto]

  • Joe Dever, L'alba dei dragoni, traduzione di Laura Pelaschiar McCourt, Collana Librogame, Edizioni EL, 1992, cap. 350, ISBN 88-7068-540-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]