Il ritorno di Vashna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

« "Ah! Ti conosco, intruso! [...] tu sei Lupo Solitario, l'eroe maledetto di un regno maledetto. Sei stato davvero pazzo a venire fin qui, Nobile Ramas. I tuoi poteri non sono nulla a confronto di quelli di Naar, il Re delle Tenebre" »

(Cadak verso Lupo Solitario, paragrafo 239)
Il ritorno di Vashna
Titolo originaleThe Legacy of Vashna
AutoreJoe Dever
1ª ed. originale1991
1ª ed. italiana1992
Genereromanzo
Sottogenerelibrogame fantasy
Lingua originale inglese
AmbientazioneMagador (Magnamund)
ProtagonistiLupo Solitario
AntagonistiNaar
Vashna
Cadak
SerieLupo Solitario (Serie Grande Maestro Ramas)
Preceduto daLa crociata della morte
Seguito daIl Signore di Ixia

Il ritorno di Vashna (titolo originale The Legacy of Vashna) è un librogame dello scrittore inglese Joe Dever, pubblicato nel 1991 a Londra dalla Arrow Books e tradotto in numerose lingue del mondo. È il sedicesimo dei ventotto volumi pubblicati finora della saga Lupo Solitario. La prima edizione italiana, del 1992, fu a cura della Edizioni EL.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo esser tornato vittorioso dalla liberazione della città di Lencia un altro incombente pericolo rischia di abbattersi sulle terre del Magnamund. Naar e i suoi seguaci, viste le continue sconfitte che il Grande Maestro Ramas gli ha inflitto, hanno intenzione di riportare in vita il più sanguinario dei Signori delle Tenebre, Vashna. I Maghi Anziani hanno ricevuto informazioni importanti dal Presidente dei territori del Magador nelle terre selvagge, sarà li che Naar tenterà per la seconda volta di riportare in vita il più temibile dei Signori delle Tenebre. Lupo Solitario ed il suo fidato consigliere Lord Rimoah, studiano un piano per impedire l'imminente catastrofe, che porterà il Maestro Ramas ad iniziare il suo lungo viaggio nel Maakengorge.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Joe Dever, Il ritorno di Vashna, traduzione di Laura Pelaschiar McCourt, collana Librogame, Edizioni EL, 1991, cap. 350, ISBN 88-7068-418-0.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]