Kelly Jones (cantante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kelly Jones
Kelly jones cardiff 2005.jpg
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Rock
post-Britpop
Periodo di attività 1992 – in attività
Album pubblicati 1
Studio 1

Kelly Jones (Cwmaman, 3 giugno 1974) è un cantante britannico, voce e leader degli Stereophonics, gruppo alternative rock gallese per certi versi assimilabile al britpop.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce e cresce a Cwmaman, in Galles, come gli altri membri fondatori degli Stereophonics, Stuart Cable e Richard Jones, di cui diviene amico da ragazzo e con cui forma una cover band. Sin dalla tenera età Kelly mostra un innato talento per la composizione. Dopo aver abbandonato l'idea di fare il pugile (malgrado i successi conquistati sul ring in ambito giovanile), frequenta il college, studia cinema e inizia a scrivere sceneggiature, alcune delle quali suscitano perfino l'interesse della BBC. Il gruppo musicale di cui è componente inizia ben presto a creare propri brani e Jones decide di usare la propria vena artistica in ambito musicale.

Nel 1996 gli Stereophonics sono la prima formazione scritturata dalla neonata etichetta discografica V2 Records. Nel febbraio 1998 ricevono un Brit Award come "miglior nuovo gruppo". Nella stessa settimana il loro primo album, Word Gets Around, diventa disco d'oro in Gran Bretagna, vendendo oltre 100.000 copie e spianando al gruppo la strada verso il successo. La band, anche grazie a singoli quali The Bartender and the Thief (tratto dal secondo album Performance and Cocktails) che si piazzò al terzo posto della chart inglese, o Mr. Writer e Have a Nice Day (da Just Enough Education to Perform) od ancora Maybe Tomorrow (da You Gotta Go There to Come Back) e Dakota (divenuto poi sigla del telefilm Veronica Mars), si fa conoscere in tutto il mondo.

Nel gennaio 2005 al Millenium Stadium di Cardiff Jones suona sul palco del concerto benefico per le vittime dello tsunami indonesiano del dicembre 2004.

Il 2 luglio 2005 partecipa con la sua band al Live 8 ad Hyde Park, a Londra, di fronte a 250.000 persone.

Spinto dal notevole successo ottenuto dal gruppo, Kelly Jones incide nel 2007 il suo primo e finora unico album da solista, Only the Names Have Been Changed, contenente dieci canzoni caratterizzate dalla formula voce e chitarra, ognuna con un nome femminile diverso come titolo, da cui il nome dell'album.

Strumentazione[modifica | modifica wikitesto]

Jones utilizza amplificatori dal tipico sound britannico quali Matchless e Badcat, oltre al noto Vox AC30.

Negli assoli ricorre spesso al Dunlop CryBaby wah. Usa anche pedali Boss quali chorus, delay, flanger, phaser e vari pedali distorsori, anche se con il passare del tempo si è affidato sempre più ai footswitch dei suoi amplificatori, giostrando tra canale pulito e canale distorto. È solito utilizzare il Vox AC30 con il canale pulito e gli altri due amplificatori con il distorto.

La sua chitarra principale è la Gibson SG color ciliegia. Ricorre di frequente anche alla Gibson CS-336 e alla Fender Stratocaster. Altre chitarre usate da Jones sono la Fender Telecaster e la Fender Jaguar. Per i pezzi più rock usa le Gibson Les Paul Goldtop. La sua chitarra acustica di riferimento è la Gibson J-200.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN75069755 · LCCN: (ENno2011019147 · GND: (DE135131669