Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Kalki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kalki (XVIII secolo).

Kalki (devanāgarī: कल्कि; anche Kalkin) è, nell'induismo, un avatāra di Viṣṇu. il cui avvento segnerà la fine del Kali Yuga, l'epoca attuale di oscurità e corruzione.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Le caratteristiche e le vicende inerenti all'avatāra Kalki sono narrate in particolar modo nel Kalki Purāṇa, ma la sua figura è tratteggiata anche, tra gli altri, negli Agni Purāṇa (16), nei Vāyu Purāṇa (98 e 104), nei Brahmā Purāṇa (213), nei Liṅga Purāṇa (I, 40) e nel Mahābhārata (II, 50; III, 192).

Così il Bhāgavata Purāṇa:

(SA)

« Athāsau yuga-sandhyāyāṁ
dasyu-prāyeṣu rājasu
janitā viṣṇu-yaśaso
nāmnā kalkir jagat-patiḥ »

(IT)

« Al crepuscolo dell'era presente (yuga-sandhyāyāṁ), quando tutti (prāyeṣu) i re (rājasu) saranno diventati ladri (dasyu), allora il Signore (athāsau) apparirà (janitā) con il nome Kalki (nāmnā kalkir), Signore della creazione (jagat-patiḥ), [figlio del bramino] Viṣṇu Yaśas (viṣṇu-yaśaso) »

(Bhāgavata Purāṇa I,3,25)

Kalki apparirà in sella a un cavallo bianco, brandendo una spada che risplenderà come una stella. Punirà i malvagi e consolerà i virtuosi, infine distruggerà l'intero mondo da cui sorgerà un nuova era, con una nuova umanità.

Origini del mito[modifica | modifica wikitesto]

Una delle più antiche citazioni di Kalki è nel Viṣṇu Purāṇa, risalente alla fine del periodo Gupta, intorno al VII secolo[1]; a questo fa seguito l'Agni Purāṇa (Agni è dio induista del fuoco e simbolo di energia vitale e trasformazione), uno dei primi ad indicare Gautama Buddha tra le manifestazioni di Viṣṇu, e che nel citare Kalki sembra prendere a fondamento il precedente; infine il Kalki Purāṇa, un Purāṇa "minore", contiene un'esaustiva esposizione di aspettative e predizioni su quando, dove e perché egli verrà, e cosa verrà a compiere: questo Purāṇa ha una prospettiva estremamente militante, e prevede la sconfitta delle tradizioni ritenute eretiche in quanto non aderenti alla tradizione dei Veda, come buddismo e giainismo.
È inoltre citato anche in altri Purāṇa minori.
È stato ipotizzato che il Kalki Purāṇa sia stato scritto come risposta induista alle profezie buddiste del Kalachakra Tantra o quelle relative a Maitreya.
Nel buddismo di scuola Kalachakra egli è invece noto come Kulika, e sarà re di Shamballa, il leggendario regno che sarà fondato quando tutta l'umanità sarà illuminata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vishnu Purana a cura di H.H. Wilson, 2001, Ganesha Publishing, ISBN 1-86210-016-0, p. lxxii

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN11046247 · GND: (DE133803708
Induismo Portale Induismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di induismo