Jutta Kleinschmidt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jutta Kleinschmidt
Kleinschmidt.jpg
Nazionalità Germania Germania
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria Rally raid
Squadra Mitsubishi
Volkswagen
BMW
Palmarès
Rally Dakar 1 trofeo
Italian Baja 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Jutta Kleinschmidt (Colonia, 29 agosto 1962) è una ex pilota di rally tedesca, unica donna della storia capace di vincere un Rally Dakar (2001)[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La Kleinschmidt alla Dakar 2007 a bordo di una BMW X3

Dopo aver esordito nelle competizioni dei rally raid africani con le motociclette passò allo stesso tipo di competizione sulle quattro ruote, raggiungendo la notorietà quando fu la prima donna a vincere la Parigi-Dakar, nel 2001 su una Mitsubishi.[1]

Nelle edizioni successive della corsa ha partecipato anche a bordo di vetture diverse come la Volkswagen Touareg e la BMW X3.

Nel 2008 ha vinto la 24 Ore del Nürburgring nella classe S2 al volante di una BMW 330d, condivisa con Thomas Haider, Rainer Kutsch, Marc Hiltscher, arrivando 60ª nella classifica generale.[2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Rally Dakar[modifica | modifica wikitesto]

Alla Dakar ha partecipato 16 volte (tre in moto e 13 consecutive in auto), ottenendo tre podi e 10 vittorie di tappa.[3]

Anno Categoria Mezzo Navigatore Pos. Tappe
1988 Moto BMW Rit.
1992 BMW 23ª
1994 KTM 22ª
1995 Auto Mitsubishi Pajero Germania Dagmar Lohmann 12ª
1996 Buggy Schlesser Herrera Rit.
1997 Buggy Schlesser Francia Jean Boutaire 2
1998 Buggy Schlesser Regno Unito Matthew Stevenson 24ª 1
1999 Mitsubishi Pajero Svezia Tina Thörner 2
2000 Mitsubishi Pajero Svezia Tina Thörner 1
2001 Mitsubishi Pajero Germania Andreas Schulz
2002 Mitsubishi Pajero Germania Andreas Schulz 2
2003 Mitsubishi Pajero Italia Fabrizia Pons
2004 Volkswagen Touareg Italia Fabrizia Pons 17ª 1
2005 Volkswagen Touareg Italia Fabrizia Pons 1
2006 Volkswagen Touareg Italia Fabrizia Pons Rit.
2007 BMW X3 CC Svezia Tina Thörner 15ª

Altri risultati[modifica | modifica wikitesto]

1999
2000
2001
2005

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Meoni conquista in moto il deserto della Dakar Nelle auto storico successo della tedesca Jutta Kleinschmidt: il raid per la prima volta a una donna, archiviostorico.corriere.it, 22 gennaio 2001. URL consultato il 17 dicembre 2013.
  2. ^ (EN) Jutta’s sporting career, jutta-kleinschmidt.de. URL consultato il 17 dicembre 2013.
  3. ^ (FR) DAKAR RETRO 1979-2009 (PDF), dakar.com. URL consultato il 10 gennaio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN134467398 · GND: (DE142371823