Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Joseph Saul Nathansohn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Joseph Saul Nathanson, in ebraico: יוסף שאול בן אריה הלוי? (Brzeżany, 1808Leopoli, 4 marzo 1875), rinomato rabbino, talmudista e posek (giurista di Legge ebraica (Halakhah), commentatore del Talmud di Gerusalemme (Yerushalmi)[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Rabbi Nathansohn nacque in Galizia, a Brzeżany (ora in Ucraina occidentale), figlio di Aryeh Lebush Nathanson, rabbino in quella città e autore di stimata opera talmudica Bet El. Studiò il Talmud a Lviv (Leopoli) insieme a suo genero Mordecai Zeeb Ettinger. Negli anni 1830 a Leopoli — in quel tempo sotto l'Impero Austriaco — fondò un gruppo di studio informale sotto la sua guida; questa "yeshivah" attrasse numerosi studenti brillanti della Galizia. Nel 1857 Nathanson fu eletto rabbino di Leopoli, dove officiò per diciotto anni. Fu ampiamente riconosciuto come importante autorità rabbinica e gli fu chiesto di giudicare varie questioni e problematiche contemporanee; le sue sentenze sono tuttora citate con regolarità.[2] Nathanson fu molto ricco e svolse continue attività filantropiche. Non ebbe figli e morì a Leopoli il 4 marzo 1875.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Rabbi Nathanson fu scrittore prolifico – tra le sue opere (tutte in ebraico) si annoverano:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b "Joseph Saul Nathansohn", voce della Jewish Encyclopedia, New York, Funk and Wagnalls, 1901–1906.
  2. ^ Per esempio, Rabbi Nathansohn fu uno dei primi a permettere l'uso di macchinari per fare matzah, uso che aveva creato una lunga e polemica controversia halakhica. Si veda Codex Judaica di M. Kantor, 2005, p. 267 e "The Matzah baking Machine".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN25996123 · LCCN: (ENn84022342 · ISNI: (EN0000 0000 7987 5969
Ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ebraismo