Jon Fitch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jon Fitch
Jon Fitch.JPG
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 183 cm
Peso 77 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Specialità Lotta libera, Ju jitsu brasiliano, Muay thai, Pugilato
Squadra Stati Uniti American Kickboxing Academy
Carriera
Combatte da Stati Uniti San Jose, Stati Uniti
Vittorie 26
per knockout 5
per sottomissione 5
Sconfitte 7
Pareggi 1
 

Jonathan Parker Fitch (Fort Wayne, 24 febbraio 1978) è un lottatore di arti marziali miste statunitense.

Combatte nella divisione dei pesi welter per la promozione WSOF, nella quale ha lottato per il titolo di categoria nel 2014 venendo sconfitto dal campione Rousimar Palhares.

Dal 2005 al 2013 ha combattuto nell'organizzazione Ultimate Fighting Championship, nella quale è stato un contendente al titolo dei pesi welter nel 2008 quando venne sconfitto dal campione in carica Georges St-Pierre, e venne licenziato con un record parziale di 14-3-1 quando era ancora classificato tra i primi dieci pesi welter della promozione.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Nei suoi incontri Fitch fa affidamento quasi esclusivamente alla sua ottima lotta libera e alla sua abilità nel controllare l'avversario a terra quando vi è sopra; di grosse dimensioni per la categoria dei pesi welter, Fitch dimostra quindi di avere notevoli doti di forza e resistenza.

Il suo modo di combattere porta spesso l'incontro al termine dell'ultimo round e all'eventuale vittoria ai punti, cosa che fa di Fitch un lottatore mal visto dai fan occasionali di arti marziali miste che ritengono noiosi i match vinti dal wrestler dell'Indiana.

Seppur dotato di un wrestling offensivo di alto livello e di un grappling difensivo quasi impenetrabile, Fitch pecca clamorosamente nella difesa dai takedown ed è sterile nei tentativi di sottomissione.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Fitch inizia a lottare come studente dell'Università Purdue nei campionati universitari di lotta libera; qui viene allenato dall'ex lottatore dell'associazione Pride Tom Erikson, che gli permette di conoscere artisti marziali del calibro di Mark Coleman e Gary Goodridge.

Nel 2002 Fitch prende la strada delle Arti Marziali Miste nella categoria dei pesi mediomassimi: con un record di 4-2-1 ritiene di dover migliorare il proprio striking e si trasferisce a San Jose per entrare nella American Kickboxing Academy.

Fitch inanella una serie di sette vittorie consecutive e riesce a farsi ingaggiare dall'UFC, impresa non riuscitagli in precedenza quando fallì la selezione per la prima stagione del reality show The Ultimate Fighter.

Ultimate Fighting Championship[modifica | modifica wikitesto]

Fitch combatte la sua prima gara UFC il 3 ottobre 2005 nella categoria dei pesi medi contro Brock Larson, vincendo per decisione unanime. Successivamente opta per i pesi welter ed ottiene ben sette vittorie di fila contro avversari del calibro di Thiago Alves e Diego Sanchez: con otto vittorie consecutive eguaglia l'allora record della leggenda delle arti marziali Royce Gracie.

A quel punto Dana White gli concede una chance per il titolo contro il campione Georges St-Pierre il 9 agosto 2008, terminata con una vittoria del rivale canadese per decisione unanime (50-43, 50-44, 50-44); il dominio del campione in carica è stato netto con tremendi colpi portati nei confronti di Fitch.

Fitch non si perde d'animo e dopo la sconfitta patita si rialza alla grande con altre cinque vittorie consecutive, tutte per decisione unanime: anche per questa sua tendenza alla vittoria per decisione Fitch è stato spesso considerato dal pubblico e da esperti della disciplina un lottatore "noioso", non in grado di terminare un avversario con un KO o con una presa di sottomissione in quanto si affida prevalentemente ad un piano di gioco definito dai suoi detrattori lay and pray, e ciò gli è da ostacolo nell'ottenere ulteriore fiducia da Dana White nel tentativo di avere una nuova chance per il titolo.

Il 27 febbraio 2011 Fitch incappa in un pareggio contro il veterano B.J. Penn: a quel punto Fitch dichiara che l'unica ragione della sua permanenza nella categoria dei pesi welter dell'associazione UFC è la volontà di sconfiggere St-Pierre e Penn.

Il 30 dicembre 2011 perde contro una delle sorprese del torneo, Johny Hendricks, per KO dopo appena 12 secondi, interrompendo così la striscia di ben sei risultati utili consecutivi.

Torna a combattere quasi un anno dopo in Brasile contro l'astro nascente di casa Erick Silva, vincendo sempre ai punti ma in modo più spettacolare del solito, in quanto ottenne il riconoscimento Fight of the Night.

Nel febbraio 2013 subì la sua quinta sconfitta in carriera per mano dell'asso del jiu jitsu brasiliano ed ex contendente al titolo dei pesi medi Demian Maia, il quale non riuscì a passare l'incredibile difesa dalle sottomissioni di Fitch ma si impose ai punti con uno stile simile a quello che caratterizza l'atleta statunitense.

Dopo quella sconfitta l'UFC prese la decisione di ridurre notevolmente i roster delle varie categorie di peso, vista anche la migrazione dei lottatori dalla Strikeforce, e decise di tagliare anche lo stesso Fitch: terminò così la sua lunga esperienza in UFC, iniziata nel 2005, che lo ha visto come contendente al titolo nel 2008 e, con un record parziale di 14-3-1, anche come uno dei più forti lottatori della sua categoria fino al momento del suo licenziamento, quando nel ranking ufficiale dell'UFC era classificato come il peso welter numero 9 della promozione[1].

World Series of Fighting[modifica | modifica wikitesto]

Il riconosciuto talento di Fitch gli permette di suscitare subito l'interesse delle più importanti organizzazioni di MMA del Nord America e già a marzo firma con la promozione emergente World Series of Fighting[2].

Il suo debutto nell'organizzazione è pessimo: nel rematch contro Josh Burkman Fitch viene messo giù da due colpi in linea dritta del suo avversario che poi da terra chiude una ghigliottina in appena 0:41 dall'inizio del match, Fitch sviene e Mazzagatti,l'arbitro del match, non se ne accorge; fortunatamente ad accorgersene è Burkman che lascia spontaneamente la presa. Dopo 31 incontri da professionista Fitch venne così sconfitto per sottomissione.

In ottobre affronta e sconfigge con grande fatica il brasiliano Marcelo Alfaya (record: 15-6).

Nel luglio 2014 avrebbe dovuto lottare per il titolo di categoria contro il campione in carica Rousimar Palhares, ma l'atleta brasiliano dovette dare forfait per motivi personali ed il match saltò: a Fitch venne quindi assegnato l'ex contendente al titolo dei pesi welter UFC ed ex campione dei pesi medi Strikeforce Jake Shields, ma anche quest'ultimo non fu del match, in questo caso per infortunio, e la stessa sorte toccò anche all'eventuale sostituto Josh Burkman che venne chiamato per un ulteriore rematch, di conseguenza venne chiamato in causa l'altro veterano UFC Dennis Hallman: Fitch dominò l'avversario in tutti e tre i round.

La sfida per il titolo contro Rousimar Palhares si concretizzò in dicembre: Fitch non riuscì ad essere competitivo per più di 90 secondi e finì per essere vittima di una delle classiche leve alle gambe delle quali il campione è un esperto, venendo conseguentemente sconfitto; a peggiorare le cose, lo stesso Fitch risultò positivo ad un test anti-doping effettuato prima dell'incontro[3].

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Sconfitta 26-7-1 (1) Brasile Rousimar Palhares Sottomissione (kneebar) WSOF 16: Palhares vs. Fitch 13 dicembre 2014 1 1:30 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Per il titolo dei Pesi Welter WSOF
Vittoria 26-6-1 (1) Stati Uniti Dennis Hallman Decisione (unanime) WSOF 11: Gaethje vs. Newell 5 luglio 2014 3 5:00 Stati Uniti Daytona Beach, Stati Uniti
Vittoria 25-6-1 (1) Brasile Marcelo Alfaya Decisione (non unanime) WSOF 6: Burkman vs. Carl 26 ottobre 2013 3 5:00 Stati Uniti Coral Gables, Stati Uniti
Sconfitta 24-6-1 (1) Stati Uniti Josh Burkman Sottomissione (ghigliottina) WSOF 3: Fitch vs. Burkman 14 giugno 2013 1 0:41 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Debutto in WSOF
Sconfitta 24-5-1 (1) Brasile Demian Maia Decisione (unanime) UFC 156: Aldo vs. Edgar 2 febbraio 2013 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 24-4-1 (1) Brasile Erick Silva Decisione (unanime) UFC 153: Silva vs. Bonnar 13 ottobre 2012 3 5:00 Brasile Rio de Janeiro, Brasile
Sconfitta 23-4-1 (1) Stati Uniti Johny Hendricks KO (pugno) UFC 141: Lesnar vs. Overeem 30 dicembre 2011 1 0:12 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Parità 23–3-1 (1) Stati Uniti B.J. Penn Decisione (parità) UFC 127: Penn vs. Fitch 27 febbraio 2011 3 5:00 Australia Sydney, Australia
Vittoria 23–3 (1) Brasile Thiago Alves Decisione (unanime) UFC 117: Silva vs. Sonnen 7 agosto 2010 3 5:00 Stati Uniti Oakland, Stati Uniti
Vittoria 22–3 (1) Stati Uniti Ben Saunders Decisione (unanime) UFC 111: St-Pierre vs. Hardy 27 marzo 2010 3 5:00 Stati Uniti Newark, Stati Uniti
Vittoria 21–3 (1) Stati Uniti Mike Pierce Decisione (unanime) UFC 107: Penn vs. Sanchez 12 dicembre 2009 3 5:00 Stati Uniti Memphis, Stati Uniti
Vittoria 20–3 (1) Brasile Paulo Thiago Decisione (unanime) UFC 100 11 luglio 2009 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 19–3 (1) Giappone Akihiro Gono Decisione (unanime) UFC 94: St-Pierre vs. Penn 2 31 gennaio 2009 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 18–3 (1) Canada Georges St-Pierre Decisione (unanime) UFC 87: Seek and Destroy 9 agosto 2008 5 5:00 Stati Uniti Minneapolis, Stati Uniti Per il titolo dei Pesi Welter UFC
Vittoria 18–2 (1) Stati Uniti Chris Wilson Decisione (unanime) UFC 82: Pride of a Champion 1º marzo 2008 3 5:00 Stati Uniti Columbus, Stati Uniti
Vittoria 17–2 (1) Stati Uniti Diego Sanchez Decisione (non unanime) UFC 76: Knockout 22 settembre 2007 3 5:00 Stati Uniti Anaheim, Stati Uniti
Vittoria 16–2 (1) Brasile Roan Carneiro Sottomissione (rear naked choke) UFC Fight Night: Stout vs Fisher 12 giugno 2007 2 1:07 Stati Uniti Hollywood, Stati Uniti
Vittoria 15–2 (1) Stati Uniti Luigi Fioravanti Sottomissione (rear naked choke) UFC 68: The Uprising 3 marzo 2007 2 3:05 Stati Uniti Columbus, Stati Uniti
Vittoria 14–2 (1) Giappone Kuniyoshi Hironaka Decisione (unanime) UFC 64: Unstoppable 14 ottobre 2006 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 13–2 (1) Brasile Thiago Alves KO Tecnico (calcio da terra e pugni) UFC Ultimate Fight Night 5 28 giugno 2006 2 4:37 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 12–2 (1) Stati Uniti Josh Burkman Sottomissione (rear naked choke) UFC Ultimate Fight Night 4 6 aprile 2006 2 4:57 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Passa ai Pesi Welter
Vittoria 11–2 (1) Stati Uniti Brock Larson Decisione (unanime) UFC Ultimate Fight Night 2 3 ottobre 2005 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Debutto in UFC
Vittoria 10–2 (1) Canada Jeff Joslin Decisione (non unanime) Freedom Fight: Canada vs USA 9 luglio 2005 3 5:00 Canada Hull, Canada
Vittoria 9–2 (1) Russia Alex Serdyukov KO Tecnico (pugni) MMA Mexico: Day 1 17 dicembre 2004 2 2:15 Messico Ciudad Juárez, Messico
Vittoria 8–2 (1) Messico Jorge Ortiz Decisione (unanime) MMA Mexico: Day 1 17 dicembre 2004 3 5:00 Messico Ciudad Juárez, Messico
Vittoria 7–2 (1) Messico Mike Seal KO Tecnico (infortunio) MMA Mexico: Day 1 17 dicembre 2004 2 2:35 Messico Ciudad Juárez, Messico
Vittoria 6–2 (1) Giappone Kengo Ura Decisione (unanime) Venom: First Strike 18 settembre 2004 2 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 5–2 (1) Stati Uniti Shonie Carter Sottomissione (body slam) Shooto USA: Warrior Spirit – Evolution 14 novembre 2003 3 0:41 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 4–2 (1) Stati Uniti Gabe Garcia KO Tecnico (pugni) X-1 6 settembre 2003 1 2:41 Giappone Yokohama, Giappone
Vittoria 3–2 (1) Stati Uniti Kyle Jensen Decisione (unanime) Battleground 1: War Cry 19 luglio 2003 3 5:00 Stati Uniti Chicago, Stati Uniti
No Contest 2–2 (1) Stati Uniti Solomon Hutcherson No Contest (ferita) HOOKnSHOOT: Boot Camp 1.1 8 marzo 2003 2 Stati Uniti Evansville, Stati Uniti
Sconfitta 2–2 Brasile Wilson Gouveia KO (ginocchiata) HOOKnSHOOT: Absolute Fighting Championships 1 13 dicembre 2002 1 3:38 Stati Uniti Fort Lauderdale, Stati Uniti
Vittoria 2–1 Stati Uniti Eric Tix KO (pugno) Ultimate Wrestling 7 settembre 2002 1 0:07 Stati Uniti Fridley, Stati Uniti
Vittoria 1–1 Stati Uniti Dan Hart Sottomissione (ghigliottina) Ultimate Wrestling 7 settembre 2002 1 1:14 Stati Uniti Fridley, Stati Uniti
Sconfitta 0–1 Stati Uniti Mike Pyle Sottomissione (rear naked choke) RFC 1: The Beginning 13 luglio 2002 1 2:35 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]